Regolamento per gli impianti sportivi, Biondi (FI): "Non è fatto per il merito sportivo"

"Non se ne può più, lo abbiamo spiegato in tutte le salse, trattasi di un Regolamento che presenta una enorme quantità di errori e di contraddizioni"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Testarda e cocciuta l’Assessore Sara Samorì supportata evidentemente dal Sindaco e dalla Giunta vuole ripresentare in Consiglio comunale, Martedì prossimo, il Regolamento per l’affidamento della gestione   degli Impianti sportivi.
Non se ne può più, lo abbiamo spiegato in tutte le salse, trattasi di un Regolamento che presenta una enorme quantità di errori e di contraddizioni, trattasi altresì di un documento che per alcuni aspetti si propone di spaccare il capello sugli obblighi per l’utilizzo di alcuni impianti sportivi e per altri lascia indefinite e possibili qualsiasi soluzioni.
Che cosa significa tutto questo?

In estrema sintesi, è un documento che ancora una volta si propone di non fare utilizzare a tutti i cittadini gli impianti sportivi secondo un ordine che deve essere quello del merito sportivo e che intesta invece alla Giunta la possibilità di dare in gestione gli impianti in particolare ad alcune associazioni. Un’ultima annotazione. Qualche consigliere del PD sorridendo mi ha detto alla fine del Consiglio che, siccome quello che viene proposto è un Regolamento della Giunta, essendo probabile che la prossima Giunta non abbia gli stessi colori, quello è un regolamento fatto per voi. Ma a noi, almeno a noi del Centro destra questo particolare non interessa; casomai dovessimo vincere, noi faremo un regolamento non per la Giunta ma per i cittadini.


Lauro Biondi - Forza Italia Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento