Rifiuti, incontro a Tredozio con i cittadini. Il sindaco: "Cambio di passo col nuovo direttore di Alea"

Per l'amministrazione comunale erano presenti il vicesindaco Lorenzo Bosi e l'assessore ai lavori pubblici Nicola Rossi

Il punto sulla raccolta differenziata dei rifiuti, difficoltà superate e miglioramenti ancora da attuare, gli obiettivi da raggiungere nel futuro. Questi temi sono stati al centro dell'incontro di lunedì sera al Teatro San Michele di Tredozio tra i dirigenti di Alea Ambiente, guidati dal direttore generale Paolo Di Giovanni, e la popolazione ad un anno dall'entrata in servizio della nuova raccolta. Per l'amministrazione comunale erano presenti il vicesindaco Lorenzo Bosi e l'assessore ai lavori pubblici Nicola Rossi; mentre il sindaco Simona Vietina era impegnata a Roma per i lavori parlamentari. 

"Dopo un generale apprezzamento per i risultati della raccolta differenziata che a Tredozio ha raggiunto il 90% - spiegano Bosi e Rossi - sono state affrontate le criticità delle zone decentrate e della attività produttive, difficoltà che avevamo più volte sottolineato anche per iscritto chiedendo all'allora direttore Contò maggior attenzione. Alea si è dimostrata molto disponibile a venire incontro, per quanto possibile, alle richieste dei cittadini. Uno dei risultati più significativi è stata la valutazione da parte della società di istituire dei punti di raccolta aperti a più utenze nelle zone maggiormente isolate del comune, in modo da evitare che i mezzi per la raccolta viaggino a vuoto. Mentre per le aziende si è ottenuto di rivedere la metratura delle attività in un'ottica più razionale rispetto all'attuale. L'incontro si è svolto nella massima cordialità ed entrambe le parti ne sono uscite soddisfatte".  

"Proprio da Tredozio - ricorda il sindaco Vietina - era partita la prima richiesta formale, inoltrata all'allora direttore Contò, per una revisione del servizio di raccolta e gestione dei rifiuti che fosse più attento ai territori e alle richieste degli amministratori pubblici dei comuni bpiù piccoli e proprio per la mancanza di queste attenzioni il sindaco Vietina non aveva votato le tariffe proposte. Finalmente, con il nuovo direttore di Alea, possiamo registrare un cambio di passo e una società che vuole veramente lavorare per raggiungere soluzioni condivise e a beneficio del territorio, dei cittadini e delle imprese".

"Il direttore Di Giovanni, infatti, ha proposto soluzioni concrete davanti alle molteplici richieste arrivate ad Alea, molte delle quali erano partite proprio dalla nostra amministrazione ormai un anno fa - chiosa -. Finalmente Alea si cala nei panni di cittadini e imprese, rendendosi conto delle difficoltà che gli utenti del servizio incontrano e delle loro aspettative: questo è un atteggiamento di buon auspicio, non dimentichiamoci che se il sistema funziona possiamo ottenere benefici per tutti, dal momento che non è prevista la distribuzione degli utili e che, se ci saranno, dovranno essere investiti a favore del miglioramento del servizio o per l'abbassamento della tariffa. Continuando con questo spirito collaborativo credo che i risultati saranno ottimi e l'impatto ambientale dei rifiuti sarà sempre minore - conclude Vietina - Lasciando così alle nuove generazioni un ambiente più pulito e un modello di crescita sostenibile e responsabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpisce due auto e poi si cappotta nel fosso: pauroso incidente

  • Falegname e pizzaiolo nei weekend, apre una pizzeria tutta sua: "Vetrina che si riaccende in centro"

  • Assume cocaina, perde la testa e cerca delle scarpe tra le auto: non lo ferma nemmeno lo spray al peperoncino

  • Postano su Facebook la foto del gatto rubato dal negozio: madre e figlia nei guai

  • Nella notte spunta uno striscione a Forlì: "Liberazione costellata di massacri e distruzione"

  • Salvini ritorna in città: "Aeroporto, Forlì deve essere collegata al mondo. Coop? Aiutare quelle vere"

Torna su
ForlìToday è in caricamento