Rivoluzione del trasporto pubblico. "Il centro storico morirà del tutto"

"Spero di sbagliarmi, ma con il trasferimento dei mezzi di trasporto da piazza Saffi alla stazione, che il Comune di Forlì ha programmato, credo che saranno ancora di meno le persone che si recheranno in centro"

"Spero di sbagliarmi, ma con il trasferimento per la fine di luglio dei mezzi di trasporto da piazza A. Saffi alla stazione, che il Comune di Forlì ha programmato, credo che saranno ancora di meno le persone che si recheranno in centro. Come conseguenza, i pochi negozi storici ancora gestiti dai cittadini di nazionalità italiana chiuderanno, lasciando sempre più spazio agli extracomunitari, i quali, approfittando delle continue negligenze delle nostre istituzioni, occuperanno ulteriormente tutto il centro".

Sono le prime parole di una lettera che Gilberto, un nostro lettore, ha inviato alla redazione di RomagnaOggi-ForliToday per fare il punto del trasporto pubblico forlivese. Secondo Gilberto sarebbe stato più opportuno rivedere il servizio dei mezzi di trasporto "eliminando i bus dell’ATR, i quali, sempre più vuoti, rallentano ulteriormente il traffico, inquinano l’ambiente e ci costano un patrimonio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal 29 luglio infatti partirà la Nuova Rete del Servizio di Trasporto pubblico che prevede nuove linee, nuovi percorsi ed una rete nuova dinamica ecologica che ha come punto di interscambio la stazione ferroviaria. Il nuovo piano prevede navette frequenti dirette dalla Stazione a Piazza Saffi ed nuovo collegamento diretto dalla stazione ospedale .


Gilberto racconta l'esperienza vissuta personalmente l'inverno scorso: "Mi sono servito di essi per due volte, e oserei definirli “ammassi di rottame”! A parte il rumore infernale, bisogna essere degli atleti sia per salirci, che per stare in piedi o alzarsi da sedere. Sono, infatti, privi di quel minimo conforto che una persona pagando salato il biglietto avrebbe il diritto pretendere. Penso poi alle persone anziane, alle mamme con bambini piccoli, come possono salire in questi “barrocci per il trasporto di materiali obsoleti”?"

"Riprendendo quindi, da cosa credo sia necessario fare, sostituirei questi catorci con dei pulmini più piccoli ed ecologici, aumentando le corse e i percorsi, per offrire un sevizio più soddisfacente. Questo contribuirebbe a convincere sempre più persone a lasciare l’automobile nel garage e servirsi di questi mezzi per venire in centro. La nostra bella piazza tornerebbe ad essere il punto d’incontro dei forlivesi e non. Come succedeva ai bei tempi, ritornando a essere il più importante punto di riferimento"
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Forlì usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso schianto all'incrocio sulla via Emilia, un'auto si ribalta: due feriti

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • Schianto in moto sulla Tosco-Romagnola: ferito un 28enne forlivese

  • "Grotte urlanti", turisti allontanati dall'Arma: trovate anche corde per scalare le rocce

  • Covid-19, nuova ordinanza in Emilia Romagna: contagi tra familiari, si stringono le maglie

  • Sfuriata ventosa in serata: crollano diversi alberi, serie di interventi dei Vigili del Fuoco

Torna su
ForlìToday è in caricamento