La Romagna terra della bici e "de mutor": Paolo Cevoli racconta la passione per le due ruote

Da Marco Pantani ad Andrea Dovizioso, da Marco Simoncelli a Valentino Rossi, da Loris Reggiani a Marco Melandri

Dalle uscite domenicali in bici alle competizioni sportive e ai grandi professionisti dei motori. Il sentimento che lega il romagnolo ai mezzi a due ruote è qualcosa di assolutamente innato, che si tratti di un mezzo a pedali o a motore. Un rapporto antico che si tramanda di generazione in generazione e che ha dato vita anche a grandi campioni che si sono affermati, ieri come oggi, nel mondo agonistico: da Ercole Baldini, Arnaldo Pambianco e Marco Pantani ad Andrea Dovizioso, Marco Simoncelli e il romagnolo d’adozione Valentino Rossi, passando per Loris Reggiani e Marco Melandri.

GUARDA IL VIDEO: ROMAGNA PASSIONE DUE RUOTE

È proprio alla profonda passione per le due ruote che Paolo Cevoli dedicata l’undicesima puntata di “Romagnoli dop”, la web serie del comico romagnolo che sta spopolando sul web. "In Romagna il principale mezzo di trasporto è la bicicletta, il romagnolo ha un bisogno innato di sfogare la sua energia e lo fa sia sulle bici che sui motori - spiega Paolo Cevoli -. I meccanici romagnoli sono tra i migliori del mondo. Nei paddock, la lingua più parlata dopo l’inglese è il romagnolo".

Il giornalista sportivo Paolo Beltramo, il CT della Nazionale Italiana di Ciclismo Davide Cassani, il commentatore sportivo Guido Meda, l’ex pilota e commentatore sportivo Mauro Sanchini e l’ex motociclista Kevin Schwanz commentano, insieme a Paolo Cevoli, i loro successi sul campo e l’importanza dello sport a due ruote nella vita dei romagnoli. Ospiti di questo appuntamento sono stati anche i comici Gianni Fantoni e Giuseppe Giacobazzi, che hanno offerto il loro punto di vista sulla tematica con l’ironia che sempre li contraddistingue. 

“Romagnoli Dop” va in onda ogni giovedì alle  21 sui canali social di Cevoli. La web serie è composta da 13 puntate con interviste a personaggi più o meno noti, ma anche a comuni turisti. Duecento tra imprenditori, operatori culturali, artisti, cuochi, scrittori, romagnoli veraci e vacanzieri hanno prestato testimonianza al fine di raccogliere le qualità chiave che definiscono il carattere del romagnolo. Tra i volti noti: Rudy Zerbi, Giuseppe Giacobazzi, Gianni Morandi, Gianni Fantoni, Kevin Schwantz, Roberto Mercadini, Davide Cassani, Guido Meda, Andrea Mingardi, Aldo Drudi, Duilio Pizzocchi, Andrea Vasumi, Paolo Beltramo, Giudo Meda, Mauro Sanchini e tanti altri. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il format è stato anticipato da un videoclip del celebre brano “Romagna Mia” di Secondo Casadei, interpretata dal gruppo Saxofollia. Le altre puntate in programma sono “Birro” e “Divertirsi”. “Romagnoli Dop” è stato scritto da Federico Andreotti e Cevoli e realizzato da Clan Studio con la direzione di Empresa Creativa. Un’idea di Cevoli e Aldo Drudi. Un format realizzato insieme alla Regione Emilia Romagna e a Visit Romagna con lo scopo di tutelare e valorizzare il vero romagnolo da Denominazione di Origine Protetta. Gli hashtag ufficiali della web serie sono: #RomagnoliDOP e #inEmiliaRomagna

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento