Forlì sogna lo spazio: ecco i primi passi di Alma X, il rover progettato dagli studenti

"Il progetto – spiega Federico Mazzotta – nasce dalla volontà di noi studenti di mettere in pratica quanto apprendiamo in aula e di cimentarsi in un lavoro di team"

I laboratori del corso di laurea in Ingegneria Aerospaziale di Forlì hanno ospitato la presentazione e una prima dimostrazione sperimentale di Alma-X, il rover per l’esplorazione aerospaziale, sviluppato all’interno del Ciri Aerospace da un team di 40 universitari (parte di Forlì e parte di Bologna) guidato da Federico Marzotta (Forlì) e Giosuè Severino (Bologna).

"Il progetto – spiega Federico Mazzotta – nasce dalla volontà di noi studenti di mettere in pratica quanto apprendiamo in aula e di cimentarsi in un lavoro di team. Alma X, infatti, è il risultato di più competenze e specializzazioni che convergono e che vengono sviluppate sia a Forlì che a Bologna: in Romagna vengono approfonditi gli aspetti relativi alla meccanica, alla parte scientifica e alla pubbliche relazioni, mentre nel capoluogo emiliano-romagnolo vengono messi a punto l’automazione, il sistema di navigazione e tutto quanto legato al braccio robotico e al sistema di riconoscimento degli oggetti".

Il rover Alma X concorrerà all’European Rover Challenge, in programma a Kielce in Polonia dal 13 al 15 settembre 2019, dove verrà sottoposto a diverse prove, per verificarne le funzionalità e in particolar modo la capacità di agire ed operare in autonomia. Il progetto nasce anche per creare, in futuro, una sinergia fra mondo della ricerca e imprese, in quanto Alma X e la tecnologia in esso contenuta non sarà limitata all’esplorazione aerospaziale, ma potrà trovare interessanti applicazioni in ambito terrestre in vari ambiti, quali l’emergenza da catastrofi, l’industria manifatturiera e il comparto agroalimentare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso dell’evento i capiprogetti Federico Mazzotta e Giosuà Severino, coadiuvati dal prof. Fabrizio Giulietti, coordinatore del corso di laurea in Ingegneria Aerospaziale, hanno presentato, con una dimostrazione all’aperto, un primo prototipo in scala di Alma X ed effettuato perlustrazioni del rover in totale autonomia e anche al seguito automatizzato di un drone. "Il futuro di Alma X, una volta messe a punto le funzionalità che ci siamo prefissati – concludono Federico Mazzotta e Giosuè Severino – sarà quello di svilupparne ulteriormente le potenzialità tecnologiche e poter partecipare all’University Rover Challenge, negli Stati Uniti, una delle massime manifestazione mondiali del settore".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento