Sabato la cerimonia di premiazione del premio letterario nazionale "Città di Forlì"

Il Premio è ormai riconosciuto come un appuntamento letterario di levatura nazionale che richiama l'attenzione non solo dei tantissimi partecipanti nelle varie sezioni in cui è articolato, ma anche dei critici

Sabato, alle ore 15,30, la Biblioteca Comunale Saffi Corso Repubblica 78, in collaborazione con il Centro Culturale L'Ortica di Forlì, presenta la cerimonia di premiazione dell'undicesima edizione del Premio Letterario Nazionale Città di Forlì. Il Premio è ormai riconosciuto come un appuntamento letterario di levatura nazionale che richiama l'attenzione non solo dei tantissimi partecipanti nelle varie sezioni in cui è articolato, ma anche dei critici.

Il Premio si struttura nelle sezioni poesia inedita, traduzione di poesia, prefazione a libro di poesie e romanzo inedito. Saranno inoltre assegnati il Premio del Centro Ambientazione di Educazione Ambientale di Forlì “La Cocla”, il Premio “Renzo Camporesi” riservato ai minori di 14 anni. A tutti i presenti sarà dato un omaggio e a fine premiazione verrà offerto l'aperitivo. Ingresso libero. Per informazioni tel.: 0543.712608-712601 ; biblioteca-saffi@comune.forli.fc.it

La giuria del premio “Sandra Mazzini” per la poesia inedita, è composta da Daniele Baldinotti, Filippo Baravelli, Paola Centofanti, Denio Derni, Giulia Monti, Marino Monti, Luana Pagan, dopo approfondita e ripetuta analisi dei testi, all’unanimità ha dichiarato vincitrice Rita Minniti di Cava de’ Tirreni (Salerno),  secondo classificato  Davide Rocco Colacrai  di Terranuova Bracciolini (Arezzo), e terzo classificato Fabrizio Bregoli di Cornate d’Adda (MB). Finalisti: Daniela Cortesi di Forlì, Laura Giorgi di Grosseto, Paolo Rodriguez di Rimini, Danila Rosetti di Forlì e Gloria Venturini di Lendinara (Rovigo). Segnalati: Barbara Cannetti di Corlo (Ferrara) e Donato Ladik di Torino.

Il Premio “Renzo Camporesi” riservato agli under 14 viene assegnato a: Fabrizio Ventura (11 anni) di Bologna per la maturità dei contenuti e per l’ottima forma poetica, considerata la giovanissima età. Menzione speciale per le classi VE e VD della Scuola “Giovanni Bersani”( Direzione Didattica VII Circolo di Forlì) per l’istintivo e originale accostamento della poesia al disegno; per la classe V della Scuola Primaria “Edmondo De Amicis” di Meldola per la fanciullesca fantasia sia nei contenuti che nel modo di proporre visivamente i testi,  il tutto interpretato con massima libertà sotto la direzione dell’insegnante Manuela Arrigoni.

Il Premio “La Còcla” del Centro Educazione Ambientale di Forlì è stato assegnato alle classi 1 E e 1F della scuola secondaria di primo grado  “Via Ribolle” sede Pietro Zangheri di Forlì, per il lavoro di comprensione e composizione del genere poetico, a cui gli alunni sono stati introdotti dalla Prof.ssa Patrizia Campri. Segnalata la poesia “Io so gli odori dal mio nonno”di Samuele Selvi per l’attento e interessato sguardo sulla natura.

Premio “Jacopo Allegretti” per la traduzione di poesia, riservata quest’anno alle lingue: francese, inglese, portoghese, spagnolo, slovacco,  la giuria composta da: Gloria Bazzocchi, Giorgio Casadei Turroni, Anabela Cristina Costa da Silva Ferreira, Adele D’Arcangelo, Renata Kamenarova, dopo avere diligentemente esaminato e attentamente valutato il lavoro dei partecipanti ha dichiarato vincitrice Giulia De Matteis di Modena per la traduzione dallo slovacco di  Miroslav Válek, secondo classificato Giovanni Scarabello di Albiolo (Como) per la traduzione dallo spagnolo di Alvaro Valverde e terza classificata Roberta Rocchi  di Pineto (Teramo) per la traduzione dallo slovacco di Daniel Pastirčák.

Premio “Irene Ugolini Zoli” per la prefazione a un libro di poesie, i componenti della giuria  Claudia Bartolotti, Tebe Fabbri, Luciano Foglietta, Wilma Malucelli, Ariella Monti, Maria Filippa Zaiti, dopo attenta e approfondita valutazione delle prefazioni ai volumi concorrenti, ha stilato la seguente classifica: 1a Paola Del Zoppo di Bracciano (Roma) per la prefazione a “Alla fine è la parola” di Hilde Domin – Del Vecchio Editore,  2° Maurizio Casagrande  di Cartura (Padova) per la prefazione a “Compitu re vivi” di Sebastiano Aglieco  – Il Ponte del Sale,  3° Ivano Mugnaini di Corsanico (Lucca) per la prefazione a “I quaderni dell’Ussero: Lucianna Argentino” – Puntacapo Editrice. Finalisti: Franco Gallo di Crema (Cremona) per la prefazione a “Esecuzioni” di Alberto Mori – FaraEditore e Emilio Sidoti di Albisola Superiore (SV) per la prefazione a “Se la luna fosse un aquilone” di Ubaldo De Robertis – Casa Editrice Limina Mentis. Segnalata la prefazione di Paola Del Zoppo a “La domenica pensavo a Dio” di Lutz Seiler – Del Vecchio Editore.

Premio “Foschi Editore” per il romanzo inedito, composta da Andrea Barbieri, Paolo Cortesi, Gianluca Gatta, Maria Teresa Indellicati, Jenny Laghi, Cesarina Lucca, Marco Mazzoli, Ilaria Milandri,  Rosanna Ricci, dopo una  dettagliata disanima e una valutazione particolareggiata delle numerose opere concorrenti ha designato quale vincitore: Luigi Nardella di Sgurgola (Frosinone) autore del romanzo “Lo sai che è morto Fabrizio De Andrè?”, secondo classificato è risultato  Piero Balzoni di Roma per il romanzo “Io vi odio”  e al terzo posto Elena Campomagnani di Cavallasca (Como) per il romanzo “Storie di fazzoletti e noci colorate”. Finalisti: Francesco Ciotti di Cesena per il romanzo “La montagna delle anime” e John Johnson di Imola per il romanzo “L’avversario: la vita breve di Ettore Bartolomei”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Dramma in A14, auto si schianta fuori strada e si ribalta nel fosso colmo d'acqua: un morto ed una donna ferita

  • Si ritrova "sgraditi ospiti" nella minestra: protesta per le larve nel pacco di pasta

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

Torna su
ForlìToday è in caricamento