San Giacomo viene restituito alla città con l'inaugurazione: "Un luogo dedicato alla musica"

"Abbiamo fortemente voluto questo luogo di grande pregio, unico per le sue caratteristiche e fruibile in maniera multidisciplinare, come esempio autentico di riqualificazione urbana, che si accinge a consolidare il polo culturale dei Musei San Domenico", ha dichiarato il sindaco

E' pronto per aprire le porte alla città il nuovo spazio per grandi eventi, dopo anni di lavori che riconsegnano alla città di Forlì la ex chiesa di San Giacomo apostolo. L'apertura al pubblico sarà il 30 e 31 maggio, con un doppio appuntamento musicale, a 7 anni dalla partenza del restauro della chiesa. In questi giorni si sta concludendo l'allestimento dello spazio, che da subito può ospitare 320 persone a sedere.

“Abbiamo fortemente voluto questo luogo di grande pregio, unico per le sue caratteristiche e fruibile in maniera multidisciplinare, come esempio autentico di riqualificazione urbana, che si accinge a consolidare il polo culturale dei Musei San Domenico”, ha dichiarato il sindaco di Forlì Davide Drei. “Intendiamo investire su una vocazione specifica per la musica, che sino ad oggi non godeva di un luogo dedicato – prosegue Drei - a completamento dell'offerta culturale del polo rappresentata dai musei e dalle grandi mostre".


 
Il restauro della chiesa è stato realizzato dal 2008 al 2012 e l'allestimento è partito ad aprile del 2014, per un costo totale di circa 12 milioni. “Stiamo verificando l'acustica anche per grandi concerti – spiega l'assessore ai Lavori pubblici del Comune di Forlì, Francesca Gardini – ma da subito si partirà con la musica per l'inaugurazione, visto che, oltre che come sala convegni, questo straordinario luogo è già idoneo anche per concerti. Si tratta di capire se si vuole migliorare ulteriormente l'acustica, arrivando anche ad utilizzarlo come sala di registrazione, portando le sedute fino a 560. Su questo si sta ragionando”.

LA STORIA - Edificata nel corso del XIII secolo fu sede dell'ordine dei domenicani, da cui prese il nome più noto di chiesa di San Domenico. Nella prima metà del Cinquecento furono ristrutturati i due chiostri e la sala del Capitolo. Tra il 1715 e il 1719 l'interno della chiesa venne riformato sulla base di un progetto attribuito a Giuseppe Merenda, ispirato alla grazia leggiadra del barocchetto. Espropriato e ridotto ad usi militari da Napoleone, il complesso, dopo essere stato per breve tempo restituito all'Ordine, fu di nuovo incamerato dallo Stato, stavolta sabaudo, nel 1867. Si avviò così verso un rapido declino, che lo condusse nel 1978 al crollo del tetto e allo sventramento della chiesa.
 
 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Charlie Hebdo
    Charlie Hebdo

    alleluja!!! alleluja! alleluja! alleeeeluuujaaaaaa!!!! dovevano finire originariamente 4-5 anni fa....con vari progetti poi ridimensionati...speriamo sia usufruito al meglio!!

  • Nel raccontare la storia di questa chiesa, è opportuno segnalare che c'è stato anche un Sacripante che nello sventramento voleva farci un teatro .... e c'è stato chi gli dava credito. Eh la buona memoria può anche essere pericolosa ...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Furti nelle abitazioni, le indagini portano in un covo: trovata refurtiva per 38mila euro

  • Cronaca

    Inaugura in via Giorgio Regnoli la settima edizione di "Galleria a Cielo Aperto"

  • Cronaca

    Raccolta differenziata, Civitella guida la classifica di Alea. A Forlì "secco" calato del 66%

  • Cronaca

    “Porpora”: il cortometraggio del forlivese Davide Mastrangelo al "Torino Underground Cinefest"

I più letti della settimana

  • Errore nella differenziata, avviso rosso e bidone ancora pieno: "Ma non c'era tolleranza?"

  • Smantellato un giro di prostituzione cinese da 20mila euro al mese, i soldi arrivavano ad Hong Kong

  • Tenta di togliersi la vita impiccandosi ad un termosifone: strappato alla morte

  • Terza nuova apertura in Piazza Saffi, l'ex "Ceccarelli" attrae imprenditori cesenati

  • Rocambolesco schianto alle porte di Meldola: un'auto si ribalta, l'altra finisce nel fosso

  • Violento tamponamento sulla Bidentina, due feriti: interviene anche l'elimedica

Torna su
ForlìToday è in caricamento