Medicina nucleare: al Ceub si parla di innovazioni in ambito oncologico

L’evento si pone l’obiettivo di mettere in luce le principali innovazioni in termini diagnostici e terapeutici in merito ai tumori alla prostata e al surrene

Si svolgeranno giovedì e venerdì al Centro Universitario di Bertinoro le “Settime Giornate Medico nucleari romagnole”, un corso di formazione promosso dal Servizio Sanitario Regionale dell’Emilia-Romagna, unitamente all’Istituto Scientifico Romagnolo per lo studio e la cura dei tumori (Irst) e all’Università di Bologna, rivolto a circa 50 partecipanti, fra medici nucleari, radiologi ed endocrinologi. L’evento si pone l’obiettivo di mettere in luce le principali innovazioni in termini diagnostici e terapeutici in merito ai tumori alla prostata e al surrene e di creare le necessarie sinergie fra professionisti con competenze diverse, la cui collaborazione, finalizzata alla cura dei tumori, risulta strategica per l’ottenimento di risultati tangibili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le principali novità, specie a riguardo della prostata - spiega la dottoressa Federica Matteucci dell’Irst - riguardano in ambito diagnostico l’utilizzo di nuovi traccianti radioattivi che vengono iniettati effettuando la Pet, l’esame più efficace per individuare precocemente i tumori e, per quanto concerne gli aspetti terapeutici, le nuove tecniche di radiometabolica, branca della medicina nucleare che permette, tramite similari iniezioni di sostanze radioattive innovative, di colpire in modo efficace il bersaglio. Ci tengo a dire che questi processi di diagnosi e cura sono già attive presso il nostro Istituto, e, quindi, a disposizione delle esigenze di cura dei cittadini”. Anche questo evento conferma la vocazione del Centro Universitario di Bertinoro, quale location ideale e funzionale per iter formativi di altissimo livello in ambito sanitario, le cui ricadute sono decisamente benefiche per l’intera comunità, sia locale che nazionale.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Sarà un maxi-supermercato, secondo solo all'iper": i commercianti chiedono di bocciare il progetto

  • Mentre lavora il giardino di casa la terra restituisce bombe a mano e proiettili: strada chiusa a pochi passi dal centro

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Covid-19, un'altra vittima a Forlì. Nessun contagiato nelle ultime ore e altri 9 guariti

  • Covid-19, muore un 81enne di Forlimpopoli. E' la 105esima vittima nel Forlivese

  • Il bonus per le bici svuota i magazzini, finalmente un sorriso per una categoria: "Rientriamo delle perdite"

Torna su
ForlìToday è in caricamento