Scappa da un centro ascolto con la figlia 12enne: la bimba trovata a Savignano

L'immediata attività investigativa, svolta dagli agenti delle Volanti e della Squadra Mobile di Forlì, coordinati dal sostituto procuratore Filippo Santangelo, ha permesso di individuare prima l'uomo e successivamente la bambina

La Polizia in occasione della presentazione delle nuove divise

Durante un colloquio con i servizi sociale in un centro d'ascolto di Forlì, ha preso per un braccio la figlia dodicenne, allontanandosi a bordo di un'auto. L'immediata attività investigativa, svolta dagli agenti delle Volanti e della Squadra Mobile di Forlì, coordinati dal sostituto procuratore Filippo Santangelo, ha permesso di individuare prima l'uomo e successivamente la bambina. Protagonista in negativo dell'episodio un cittadino marocchino, che è stato denunciato a piede libero per sottrazione di minori.

La dodicenne da circa un mese era stata affidata su disposizione ad una struttura protetta di Galeata per maltrattamenti in famiglia. Il padre era già finito nel mirino delle forze dell'ordine nel 2013 per la stessa accusa, ma una reiterazione del reato ha indotto il sindaco di Portico ad affidarla ai servizi sociali dell'Unione dei Comuni del Forlivese. Mercoledì pomeriggio era in programma un incontro protetto in una struttura del Comune, alla presenza dei servizio sociali. E' nata una discussione poichè l'extracomunitario non condivideva i modelli educativi degli assistenti sociali. In preda alla collera ha così afferrato per un braccio la figlia, portandola via. Dopo aver scavalcato il cancello, si sono allontanati a bordo di un'auto. L'allarme è scattato poco prima delle 16.

Subito sono partiti i controlli a largo raggio delle forze dell'ordine. Nel frattempo dalla centrale operativa della Questura di Forlì si è riusciuti a raggiungere telefonicamente l'uomo, convincendolo a tornare indietro. Dopo qualche ore si è presentato al comando di corso Garibaldi, assicurando che la bambina si trovava in mani fidate e che presto sarebbe stata portata in Marocco. A quel punto sono scattate le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Filippo Santangelo, che ha impartito le direttive investigative del caso. Sono stati allertati porti e scali aerei, in modo tale da bloccare ogni tipo di allontanamento dall'Italia. Contemporaneamente sono state disposte delle perquisizioni nell'abitazione del marocchino, effettuate dai Carabinieri della stazione di Portico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Messo alle strette, il marocchino ha lasciato la Questura con la promessa di tornarvi l'indomani con la bimba. All'appuntamento di giovedì mattina tuttavia si è presentato da solo. Consapevole poi che avrebbe rischiato di non vederla più, si è convinto di indicare il luogo dove era stata portata. La dodicenne è stata trovata in un'abitazione a Savignano, dove in passato l'uomo aveva vissuto, affidata ad una famiglia di conoscenti. Era serena e in buone condizioni di salute. Ora si trova di nuovo nella struttura protetta. Dal vice questore e dal Prefetto le congratulazioni agli investigatori per aver risolto il caso in meno di 24 ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vita ai tempi del Coronavirus - Una dipendente di un market spiega tutti i comportamenti sbagliati dei clienti

  • Il coronavirus continua ad uccidere nel Forlivese. Quasi mille contagiati in provincia

  • Coronavirus, martedì drammatico: dieci morti in provincia in 24 ore, 5 a Forlì

  • Coronavirus, superati i mille contagiati in provincia: altri due decessi nel Forlivese. Crescono i guariti

  • Perde l'autobus e si siede sconsolato sulla panchina: trova conforto nella Polizia

  • Coronavirus, focolaio nel Dipartimento di Sanità Pubblica: 19 contagiati in via Della Rocca

Torna su
ForlìToday è in caricamento