Torna a tremare la terra: scossa di terremoto nelle colline forlivesi

La scossa, che si è generata a cinque chilometri di profondità, è stata avvertita dalla popolazione. Non si segnalano danni a cose o persone

Magnitudo 3.3 Richter. Questa l'intensità di una scossa di terremoto che si è sviluppata nell'entroterra forlivese, al confine col faentino. La terra, come misurato dagli strumenti dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma, ha tremato giovedì pomeriggio intorno alle 16.19. L'epicentro è stato localizzato a quattro chilometri da Tredozio, sette da Portico e San Benedetto ed undici da Premilcuore e Rocca San Casciano. La scossa, che si è generata a cinque chilometri di profondità, è stata avvertita dalla popolazione delle località collinari. Non si segnalano danni a cose o persone. I vigili del fuoco hanno ricevuto alcune chiamate di persone allarmate e preoccupate, ma nessuna chiamata di emergenza, dalla zona di Tredozio e Portico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento