Nel sesto anniversario del sisma parte la quinta Settimana regionale della Protezione civile

Simulazione di situazioni di emergenza, incontri nelle piazze e nelle scuole. Tutta l'Emilia-Romagna a lezione di sicurezza, per imparare i comportamenti corretti da tenere in caso di calamità naturali

Evacuazioni di municipi, scuole e biblioteche, ricerche di persone scomparse, spegnimenti di incendi. Con tante simulazioni di interventi di emergenza, dimostrazioni di unità di soccorso e cinofile, esposizioni di mezzi di soccorso e allestimenti di campi tendati, partirà in tutta l’Emilia-Romagna la quinta edizione della Settimana della prevenzione dei rischi e della Protezione civile, in programma dal 19 maggio. Il maggior numero di eventi si concentra entro la fine di maggio, nelle date dell’anniversario del terremoto dell’Emilia, ma il programma continua fino a metà giugno. "Quella del 2018 è un’edizione da record per numero di iniziative e comuni coinvolti - afferma l’assessore regionale alla Protezione civile, Paola Gazzolo-. Da cinque anni, insieme agli enti locali e al volontariato, puntiamo a diffondere la cultura della protezione civile sensibilizzando i cittadini sul tema della sicurezza del territorio e della prevenzione dei rischi. La conoscenza è il primo passo per rendere le comunità sempre più resilienti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quest’anno sono previste 56 iniziative in 37 Comuni di tutta l’Emilia-Romagna tra addestramenti, esercitazioni, incontri e convegni, con un crescendo di eventi che nel tempo sono aumentati in tutte le province (l’anno scorso erano 37 le iniziative in 28 Comuni). Le attività prevedono anche appuntamenti nelle scuole, momenti di formazione per i cittadini e banchetti informativi su come si fa a diventare volontari. La rassegna è organizzata dalla Regione Emilia-Romagna e coinvolge tutti gli enti impegnati sul territorio per fronteggiare le emergenze: l’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile della Regione, le Province, i Comuni, le Prefetture, le forze dell’ordine e il mondo del volontariato. A Forlì il 25 maggio il raggruppamento delle guardie ecologiche ha organizzato un incontro su “Il terremoto e le costruzioni in zona sismica” (via Cadore 75). L’8 giugno la stessa iniziativa si terrà presso il Centro di educazione ambientale “La Còcla” (via Anderlini 59).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, il ringraziamento dell'azienda ai suoi dipendenti: un aumento in busta paga

  • Coronavirus, altri due morti a Forlì. I casi nel Forlivese salgono a 335

  • Coronavirus, rallenta ancora la crescita dei contagiati. Ufficializzate le prime guarigioni forlivesi

  • Bar aperto e colazioni ai clienti: tutti finiscono multati. Trovato aperto anche un minimarket: chiuso e multato

Torna su
ForlìToday è in caricamento