Emerge un reperto archeologico: stop al cantiere Hera di Piazzale della Vittoria

Giovedì, nel corso degli scavi davanti ai giardini di Piazzale della Vittoria, è emerso un reperto archeologico, che dovrà esser analizzato dalla Soprintendenza

Stop ai lavori di Hera per il potenziamento della rete teleriscaldamento con il collegamento della centrale dell'Istituto Tecnico Industriale "Marconi" con la "Green energy house" di via Corridoni, la centrale di trigenerazione di Hera (in grado di produrre energia elettrica, termica e frigorifera in maniera combinata) situata accanto al Campus universitario ed inaugurata il 23 novembre scorso. Giovedì, nel corso degli scavi davanti ai giardini di Piazzale della Vittoria, è emerso un reperto archeologico, che dovrà esser analizzato dalla Soprintendenza.

La rete prevista 

Il collegamento con la nuova centrale del Campus universitario, che diventerà quindi l’impianto di produzione principale, è previsto entro l’estate 2018. Una volta completato, il polo allaccerà alcuni importanti edifici cittadini (l'Istituto Tecnico Industriale, il Ginnasio, la scuola primaria De Amicis e il palazzo dell’Inps) ad oggi già allacciati alla centrale posizionata all’Itis, mentre sono stati pianificati per il 2018 i tratti di rete per l’estensione alle utenze della Provincia in Via Mercuriali, Piazza Morgagni, Via Bruni e il collegamento alla rete esistente del complesso Nuova Abitare, adiacente a via Volta, nell’area della stazione ferroviaria. I vantaggi per la città e per il suo centro saranno, quindi, molto significativi, sia per un maggiore controllo delle emissioni, sia per il maggior rendimento energetico della produzione contemporanea di energia elettrica termica e frigorifera grazie alle elevate prestazioni energetiche della Green Energy House.

I vantaggi per l'ambiente

Una volta a regime, nel 2020, grazie al nuovo sistema di teleriscaldamento, vi sarà una diminuzione a Forlì, per ogni anno termico, di emissioni in aria pari a 7.500 kg di anidride solforosa e di 4.000 tonnellate di anidride carbonica (l'equivalente di 40.000 alberi), oltre al mancato utilizzo di 1.100 tonnellate equivalenti di petrolio (Tep) con un risparmio del 33% di energia primaria. Il sistema di teleriscaldamento di Forlì produrrà annualmente 12.600 MWh termici, 2.680 MWh elettrici e 758 MWh frigoriferi, con una volumetria allacciata di 525 mila metri cubi, equivalenti a circa 2.200 appartamenti di 240 metri cubi ciascuno.

 


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio nella zona industriale, un nuvolone nero altissimo preoccupa i forlivesi

  • La vita ai tempi del Coronavirus - Una dipendente di un market spiega tutti i comportamenti sbagliati dei clienti

  • Il coronavirus continua ad uccidere nel Forlivese. Quasi mille contagiati in provincia

  • Coronavirus, nuova impennata di casi in provincia: +95 in 24 ore. E Forlì registra un'altra vittima

  • Coronavirus, superati i mille contagiati in provincia: altri due decessi nel Forlivese. Crescono i guariti

  • Coronavirus, ancora morti nel Forlivese: tre vittime nelle ultime 24 ore. Oltre 900 casi in provincia

Torna su
ForlìToday è in caricamento