Si avvicina un altro weekend da vivere sulle nevi della Campigna

Tutti gli impianti sono a disposizione degli appassionati, che possono raggiungere senza alcuna difficoltà la stazione invernale di Campigna

La neve sulle vette della Campigna resiste nonostante il dominio anticiclonico, responsabile di temperature ben al di sopra della media stagionale. A Monte Falco, a quota 1450 metri, lo spessore è di 34 centimetri. In quota invece il manto naturale oscilla tra 40 e 80 centimetri, mentre quello artificiale è di 20 centimetri. Tutti gli impianti sono a disposizione degli appassionati, che possono raggiungere senza alcuna difficoltà la stazione invernale di Campigna. La strada infatti è "nera" e libera dalla neve.

Tutte le piste, dalla "nera" alla "rossa" sono aperte, così come l’area dei Fangacci con l’area bob, il campo scuola con tapis roulant e lo Snow Park. Non solo sci alpino, ma anche sci di fondo, con il "semaforo verde" alle piste delle Rondinelle da 3 e 5 chilometri, anche se, viene specificato, "vengono battute per il weekend ed è consigliato contattare il numero 3470824105 nei giorni infrasettimanali". Il fine settimana promette tante iniziative, con escursioni con guide ambientali e ciaspolate in sicurezza lungo i sentieri. Sono in programma inoltre i corsi gratuiti aperti a tutti (dai 10 anni in su) sulle piste di fondo. Non sono attese precipitazioni per sabato e domenica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento