Marijuana e hashish con il logo Barcellona: preso il pusher dei minori

Un ventenne magrebino, domiciliato a Modigliana, è stato arrestato dai Carabinieri in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari

Spacciava marijuana ed hashish anche a minorenni. Un ventenne magrebino, domiciliato a Modigliana, è stato arrestato domenica dai Carabinieri in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Gli uomini dell'Arma della stazione di Modigliana sono stati impegnati dallo scorso dicembre in un'attività investigativa dopo aver individuato alcuni giovani con modiche quantità di hashish.

Le indagini si sono estese anche a Tredozio e Faenza, con appostamenti, inseguimenti e controlli, identificando diversi assuntori (tre maggiorenni e 16 minori di cui due 13enni), ai quali il magrebino aveva ceduto per più volte lo stupefacente. Da una prima stima si ritiene fossero diversi gli etti di hashish e marijuana cedute, mentre ancora si stanno svolgendo accertamenti finalizzati ad individuare eventuali altri acquirenti.

Nel corso della perquisizione domiciliare delegata assieme all’ordinanza, i militari hanno rinvenuto circa 20 grammi tra hashish e marijuana e 400 euro in contanti, ritenuti provento dell'illecita attività. Il particolare emerso è che il giovane nell’attività di spaccio, per i quantitativi maggiori, usava un involucro a forma ovale con lo stemma del Barcellona calcio, contenente 10 grammi di hashish. Uno di questi involucri è stato rinvenuto durante la perquisizione. Ora il pusher è ai domiciliari.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      VIDEO - Co-housing, ecco le "Case Franche": un tetto per 18 famiglie

    • Cronaca

      Forlì celebra il compatrono San Pellegrino. Una devozione che non conosce pause

    • Cronaca

      S'inventa lo smarrimento del portafogli per non pagare un debito: denunciato

    • Sport

      Il Forlì nella tana della Reggiana: "Dobbiamo riscattarci, ci aspettiamo delle risposte"

    I più letti della settimana

    • Tentano di stuprarla ai Portici, racconta il dramma: "Un passante non si è fermato"

    • Manoni cambia sede dopo quasi due secoli: "Restiamo in centro, perché siamo parte del centro"

    • In arrivo TruCam, il telelaser di ultima generazione: pizzica anche chi guida col telefono

    • Sorpresi a prostituirsi nei pressi della stazione: c'è anche un minore

    • Cade dalla bici e batte la testa sull'asfalto: paura in viale Gramsci

    • Sventato maxi furto nella zona industriale: i metronotte costringono alla fuga i ladri

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento