Preso a fucilate l'autovelox di Durazzanino, "ora è il far west"

Dalla vernice alle pallottole. Questa volta l'avvertimento contro gli autovelox è di quelli che fanno davvero paura. Nel mirino non è finito il dispositivo di Villa Rovere, ma quello di Durazzanino

Redazione 23 gennaio 2012
28

Dalla vernice alle pallottole. Questa volta l’avvertimento contro gli autovelox è di quelli che fanno davvero paura. Nel mirino non è finito il dispositivo di Villa Rovere, ma quello di Durazzanino. “Ora è il far west”, ha affermato Giordano Biserni, Presidente Asaps, l’associazione amici della Polizia, che già nei giorni scorsi aveva condannato gli episodi di vandalismo a Villa Rovere, dove si trova installato in via Firenze l’autovelox oggetto di vari imbrattamenti.

“Ora dopo che anche il Velox di Durazzanino è stato “sparato” sul modello “Scampia” anzi sul modello peggior Far West, ci chiediamo se questa sorta di sottile compiacimento e di silenziosa omertà di chi dovrebbe prendere una forte posizione continuerà – ha scritto Biserni -. Ora che la violenza si fa arma da fuoco, qualcuno ci deve spiegare se avevamo esagerato nel nostro allarme”.

“No – ha rimarcato -,  il clima non ci piace, è ora che le regole vengano fatte rispettare, tutte. Per questo ripetiamo quello che avevamo scritto sabato scorso, solo che alla vernice ora dobbiamo aggiungere i pallettoni. Colpi di arma da fuoco non solo contro il Velox ma contro la legalità tanto invocata. Da vergognarsi”. Sull'episodio indagano le forze dell'ordine. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri, Polizia Scientifica e Municipale. I Vigili del Fuoco hanno provveduto ad aprire il portellone blindato del dispositivo, rimasto seriamente danneggiato. Sono state trovati tre pezzi di piombo della pallottolla infranta. I colpi sarebbero stati esplosi nel cuore della nottata tra domenica e lunedì, intorno all'una.

Sulla questione è intervenuto il sindaco di Forlì, Roberto Balzani, che ha evidenziato che "si tratta di un evento assai grave, perché – come tutti sanno – la macchina era spenta da mesi e, soprattutto, perché c’è stato qualcuno che, per tentare di distruggerla, ha compiuto un buona manciata di reati penali. E’ chiaro che, in virtù della campagna promossa da più parti contro gli autovelox, quell’oggetto era divenuto un simbolo: non più una “fabbrica di multe” (essendo stata disattivata), ma l’espressione di un controllo ritenuto intollerabile: quello sulla velocità, quello per la sicurezza".

Annuncio promozionale

"Eppure, le cronache quotidiane degli incidenti dovrebbero indurre un comportamento diverso - ha rimarcato il primo cittadino -. Tant’è: le campagne fondate sull’odio inducono alla violenza, come testimonia il caso tragico dell’agente della polizia municipale massacrato da un Suv a Milano. Anche quella di Durazzanino è violenza. Contro le cose di tutti, non contro le persone. Ma trattasi di violenza. Ragion per cui, suggerisco, sarebbe meglio abbassare i toni e mettersi, se possibile, dalla parte degli educatori di civismo”.

Giordano Biserni
autovelox
vandalismo

28 Commenti

Feed
  • Avatar anonimo di peyote65

    peyote65 Effettivamente le fucilate più che all'autovelox bisognerebbe cominciare a indirizzarle su certi personaggi che non c'è modo di schiodare da quel @#?*%$ di poltrona.

    il 29 gennaio del 2012
  • Avatar di Carletto

    Carletto E' preoccupante trovare commenti che inneggiano a ciò che è stato fatto! Situazioni del genere credo che debbano essere condannate a prescindere! Se qualcuno avesse occasione di frequentare le regioni del nord Italia, (io lo faccio spesso per lavoro) specie in Lombardia, potrà notare quanti autovelox ci sono installati all'ingresso e spesso anche all'uscita dei piccoli paesi, o delle frazioni ecc. Vi garantisco che sono anni che li vedo, ma mai ne visto uno danneggiato o imbrattato da qualche IMBECILLE!!! Esisteranno anche li persone contrarie a questi autovelox, ma probabilmente hanno il buon senso o meglio l'educazione di non rovinare il bene comune che tutti in qualche modo prima o poi dobbiamo ripagare.

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di sid

    sid Eheheheheheheheh Vaaaaiiiiiiiii!!!!! Fuori uno sotto a chi tocca!!

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di Pony Nero

    Pony Nero Guardando le foto, mi viene da dire: "Tutto qui?". Un colpo di fucile che non ha nemmeno infranto il vetro di protezione? Questo dicono le foto, e parlano chiaro. Anzi, parrebbe che il danno più costoso sia stato effettuato dal pompiere che con solerzia tagliava col flessibile la serratura del baracchino. E ci volevano Carabinieri, Vigili Urbani, Vigili del Fuoco e Polizia Scientifica per un "patacca" che ha fatto un danno enorme solo nelle parole degli intervistati? Mah... pensavo peggio. Meglio così. Oh, comunque quello che ha sparato è un fucile da caccia. Il cerchio si restringe...

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar di Lodovico Zanetti

    Lodovico Zanetti ma perchè sparargli? non bastava staccare la spina? :)(campagna a favore dell'eutanasia)

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar di Kyoto Girl

    Kyoto Girl Io no so se sia stato un atto di puro vandalismo fine a se stesso o seppure sia stato un atto finalizzato a rendere partecipi le istituzioni di aver rotto i co*****i perchè si spacciano per salvatrici di vite per fare cassa... nel secondo caso, la gente si è rotta i ma**ni di essere presa in giro ed è chiaro che qualcuno un pò più "selvatico" della media si sia, in un certo senso, ribellato.

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di beppe

    beppe L'esasperazione (non per giustificarlo sia ben chiaro) è dovuta alla sensazione di tremenda ingiustizia sociale nella quale ci troviamo, devono pagare sempre i soliti. I ns politici non pagano scientemente "e non per distrazione alla guida" i contributi ai porta borse, poi sempre con i ns soldi, si abbuffano ( con poltrone in vari cda) e li sperperano (con pensioni gratuite agli immigrati). Questi, sono solo alcuni esempi, ma la gente, davvero ne ha le scatole piene, è a questo punto che parte la rivendicazione su quanto rappresenta ancora una volta un ingiusto balzello.

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar di Antonio M

    Antonio M Il problema non credo che sia l'Autovelox, prima imbrattato e poi fucilato da un cacciatore che aveva pallottole in più, ma il clima che si sta creando intorno a tutto quello che è legato allo stato.
    Credo che di qui in avanti il problema si trasferirà alle persone che dovranno sovraintendere all'applicazione delle leggi, temo che le prossime pallottole siano per loro!
    Non so perchè...ma vedo guai all'orizzonte

    il 24 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di Enrico ex Destro P

    Enrico ex Destro P Avanti così...

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Lanzo

    Lanzo non vorrei essere nel municipale che tenta di fermarlo per eccesso di velocità!.....Requiescat in pacem.

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Massimo

    Massimo Attenti al "Giustiziere degli autovelox" perchè è in giro armato oggi ha sparato all'autovelox, ma domani chissà...meglio non incontrarlo...un cretino non sai mai come prenderlo...AHAHAH!!!!

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Settembrino Nebbioso

    Settembrino Nebbioso cos'è, siamo a Napoli?

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Gino Salimbeni

    Gino Salimbeni a questo punto propongo un cecchino x chi supera i limiti al posto dell'autovelox.
    va la cheeeeeeeee

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Maximo

    Maximo Al di là, dell'autovelox che già cento volte è stato imbrattato. La cosa triste e al contempo pericolosa è che un idiota girasse con un'arma da fuoco carica per la strada. Poi se funzionassero le regole e i cartelli come in tutti i paesi del mondo "normali" non ci sarebbe bisogno degli autovelox. Ma si sa l'italiano medio, è quello che capisce le cose solo se gli si va attorno al portafoglio. Se vuoi andare forte esistono le piste, perchè se usassimo il ragionamento del furbone che ha sparato, cioè lui distrugge l'autovelox per andare forte, se poi fa un incidente ad elevata velocità e ci scappa il morto o il ferito ci dovremmo sentire il diritto di sparargli. Poi sui limiti di velocità posso anche essere d'accordo che i 50 Km/h sono davvero troppo pochi. Però che vi piaccia o no, con autovelox e rotonde i morti sono diminuiti e anche gli incidenti.

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di Twittina

    Twittina Bhua ahahahaha!

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di luciano

    luciano L'autovelox era spento da mesi, il cervello dell'imbecille non è mai entrato in funzione.

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Troglo Dita

    Troglo Dita Forse, se avessero messo un piu' consono 70 all'ora anziche' un 50, questo non sarebbe successo. Il gesto e' frutto dell'esasperazione. Sparare ai dossi o cercare di livellarli di nascosto con una smerigliatrice sarebbe piu' complicato. L'atto vandalico sarebbe di per se' da condannare, ma se devo essere sincero, provo un certo compiacimento. Non posso negarlo, sarei ipocrita...

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Lanzo

    Lanzo Dunque....vediamo gli aspetti positivi legati a questo gesto: qualcuno venderà un paio di munizioni in più (quindi qualcuno le dovrà produrre e verranno pagate tasse nella compravendita), un fotografo verrà pagato per aver scattato due foto in più, una ditta sarà incaricata di rimuovere l'autovelox e poi di reinstallarlo......guardate il lato bello....qualcuno vuole far girare l'economia! ;-)

    il 23 gennaio del 2012
    • Avatar di Palmiro Capacci

      Palmiro Capacci Analisi molto puntuale e giusta nel sistema economico attuale, è la stessa motivazione che si usa per le ricadute della pubblicità. Già nell'800 un noto economista aveva fatto notare le positive ricadute della delinquenza in quando incrementava la produzione dando lavoro oltre che ai ladri anche a poliziotti, giudici,avvocati, costruttori di serrature ecc.

      il 24 gennaio del 2012
    • Avatar anonimo di zoodipendente

      zoodipendente peccato che ripristinare un bene pubblico danneggiato fa girare le tasche (e non solo quelle) dei cittadini!!!

      il 24 gennaio del 2012
    • Avatar di giogiogio

      giogiogio ah ah carina

      il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Oscar

    Oscar Ma santo cielo questi sono veramente CRETINI ! se ci sono dei limiti di velocita che cavolo spari all' auto velox rispetta il limite! ecco ora stiamo degenerando come a scampia pochi minuti fa ho commentato che il paragone era eccessivo ma dopo questa...

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di costantino fantoni

    costantino fantoni L’aver devastato e reso inutilizzabile l’impianto autovelox è sicuramente un atto vandalico, un grave reato che va condannato con fermezza, senza dubbio alcuno.
    Si tratta di una “giustizia fai da te” che non solo va condannata, ma in nessun modo giustificata.
    In uno stato di diritto esistono prima i doveri,se si infrangono i limiti di velocita' si deve pagare la sanzione,devastando le postazioni autovelox si danneggia tutta la comunita'.

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Polly

    Polly Credo che l'ignoranza e l'inciviltà delle persone non abbia più un limite! Gli atti di vandalismo sono sintomo di scarsa intelligenza. Poi, diciamocela tutta, vi sembra una cosa plausibile sparare ad un autovelox????Se queste persone non sono in grado di rispettare i limiti di velocità, che girino a piedi o in bicicletta...così quando gli passa di fianco il pirla che corre in macchina...magari sparano a lui!!!!

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Lele Mora

    Lele Mora Siamo veramente pieni di imbecilli, molto di più di quel che potevamo credere...
    Adesso arriviamo al punto che se uno supera il limite di velocità, la colpa è dell'autovelox!!!!
    La mamma dei cretini è sempre incinta, purtroppo!

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar anonimo di kikka

    kikka hanno fatto bene distruggeteli tutti gli autovelox.... lo stato anche li mangia

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Mattia

    Mattia A me sembra di sognare...Io spesso non rispetto i limiti (non che faccia i 100 all'ora dove il limite è 50, intendiamoci), ma se poi l'autovelox mi dovesse beccare (mai successo fino ad oggi, basta essere anche un minimo furbi) lo pagherei senza problemi. Chi sbaglia deve pagare, stop.

    il 23 gennaio del 2012
  • Avatar di Carletto

    Carletto E' un fatto veramente vergognoso ma degno del riconoscimento della massima imbecillità da parte di chi l'ha fatto! Indagare, nella speranza di trovare chi danneggia i beni della comunità è un atto dovuto.

    il 23 gennaio del 2012