Stalking nei confronti del primario, torna in libertà la dirigente Ausl

Il giudice per le indagini preliminari, infatti, ha accolto la richiesta che era stata immediatamente avanzata dall'avvocato d'ufficio e ha annullato gli arresti domiciliari per la donna accusata di stalking

La dirigente dell’Ausl torna in libertà. Il giudice per le indagini preliminari, infatti, ha accolto la richiesta che era stata immediatamente avanzata dall’avvocato d’ufficio e ha annullato gli arresti domiciliari per la donna accusata di stalking. A darne notizia è l’avvocato a cui è stato affidato il caso, il noto penalista forlivese Marco Martines (subentrato al collega Fabio Landi).

“Con ordinanza odierna, accogliendo l’istanza avanzata dal precedente difensore avvocato Fabio Landi – scrive Martines -, ha ordinato l’immediata liberazione della donna ed ha allo stesso tempo imposto la misura del divieto di avvicinamento e di comunicazione con le persone querelanti e con i loro familiari”.

L’avvocato Martines precisa anche che l’ordinanza del Gip “non impedisce all’indagata di recarsi presso il luogo ove esercita la propria attività lavorativa”. A questo proposito, l’Ausl di Forlì aveva fatto sapere proprio ieri di aver sospeso dall’incarico la dirigente con conseguente dimezzamento dello stipendio, sulla base di quando previsto dal contratto nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Punta un euro su un gratta e vinci e non crede ai propri occhi: il "Sette e mezzo" è fortunato

  • Porta l'auto dal meccanico e dal cofano spunta una micia: "E' una gatta di casa, cerchiamo la sua famiglia"

  • Pit stop "stupefacente" dal gommista: la Squadra Mobile scopre il canale della droga per Forlì

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

  • Minacce di morte dentro un supermercato: serata 'agitata' in viale Vittorio Veneto

  • Guidava con la patente revocata da oltre sette anni: multa salatissima per un 32enne

Torna su
ForlìToday è in caricamento