Stop ai diesel Euro 4, Legambiente: "No agli arretramenti. Si ignora l'emergenza sanitaria"

"In Consiglio regionale si chieda invece più trasporto pubblico e che il Ministro Costa supporti la scelta dell'Emilia Romagna, con risorse e coordinamento", viene rimarcato

"Nessun arretramento sul blocco dei diesel Euro 4". Legambiente interviene sulla scelta di alcune forze politiche, che stanno chiedendo che la Regione retroceda rispetto al del blocco degli Euro 4 diesel. Il consigliere regionale Massimiliano Pompignoli (Lega) ha infatti presentato in Commissione Bilancio  la richiesta di eliminare il blocco e il capogruppo Alan Fabbri ha annunciato di voler proporre il voto in aula.

"Nel bacino padano, l'inquinamento comporta un tasso elevato di decessi precoci e patologie di vario genere - evidenzia Legambiente -. Non si può dunque lanciare messaggi sbagliati rispetto alla gravità della situazione. Al contrario i consiglieri dovrebbero farsi portatori di proposte che rendano più efficace il provvedimento. Ci auguriamo che se il tema dovesse arrivare in aula, maggioranza e opposizione boccino ogni proposta di arretrare rispetto al blocco gli euro 4. Al contrario si metta da parte la contrapposizione politica e si lavori per migliorare gli effetti del provvedimento e la sua reale applicazione".

Legambiente ricorda quanto già proposto, ovvero "sviluppare soluzioni che favoriscano l’efficienza e riducano il costo del trasporto collettivo almeno nel periodo invernale, durante il quale sono in vigore le limitazioni al traffico come sconti sul trasporto pubblico e tariffe uniche per le città capoluogo ed i rispettivi comuni di cintura. Con particolare attenzione alle fasce di reddito più basse; garantire presenza e corretto funzionamento dei parcheggi scambiatori ai margini delle città con un adeguato collegamento di trasporto pubblico, per garantire un facile accesso in città senza utilizzare l’auto privata ed impegnare il Consiglio regionale nel chiedere al Ministro Costa che supporti il provvedimento dell'Emilia Romagna, il più avanzato del bacino padano, stanziando adeguate risorse per aiutare le famiglie e attivando davvero un coordinamento padano che finora è mancato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Al contrario, rispetto all’attuale deroga del blocco, generalizzata per portare i figli a scuola, Legambiente segnala che questa andrebbe assolutamente eliminata, organizzando invece aree Ztl in concomitanza delle ore di accesso - proseguono gli ambientalisti -. Sono infatti le fasce più giovani quelle che per prime dovrebbero essere tutelate a livello sanitario". Infine Legambiente sottolinea come "tali richieste siano state avanzate da tempo dall'associazione: ben prima che il blocco auto facesse arrivare il tema alla ribalta mediatica. Solo lo scorso giugno era stata proposta una mozione consigliare per ridurre il traffico in città, bocciata proprio la settimana scorsa anche dalle stesse forze che oggi vorrebbero eliminare il bando degli Euro 4".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento