Strage di giovani sulle strade, i Verdi: "Servono mezzi pubblici notturni e strade più sicure"

A poche ore dai due incidenti che hanno visto ben cinque persone perdere la vita - il primo nel cesenate, il secondo a Castrocaro - i Verdi di Forlì tornano su un tema sempre molto discusso dalle varie parti politiche

"Interrompiamo la strage di giovani per la strada". A poche ore dai due incidenti che hanno visto ben cinque persone perdere la vita - il primo nel cesenate, il secondo a Castrocaro - i Verdi di Forlì tornano su un tema sempre molto discusso dalle varie parti politiche.

"È un tema delicato, lo sappiamo, che non va strumentalizzato ma che nemmeno si può ignorare - spiegano i Verdi - Le nostre strade in pochissimi giorni hanno causato troppe vittime. Non possiamo maledire la sfortuna, incolpare la stanchezza o l’abuso di alcolici e non si può continuare ad assistere quotidianamente al bollettino di guerra della notte precedente. Occorre mettere in campo tutte le forze possibili per prevenire questi incidenti, con maggiori controlli che puniscano preventivamente gli eccessi e gli abusi, dalla velocità ai cellulari alla guida, passando per la verifica del tasso alcolemico e l’uso di sostanze stupefacenti da parte degli autisti. Aumentare le pene per chi provoca incidenti mortali a nulla serve come deterrente, perché nessuno pensa di poter essere la causa di un disastro, e una volta accaduto è troppo tardi.  Occorre fare formazione nelle scuole, parlare con gli studenti di cosa può accadere e mettere in sicurezza i tratti più pericolosi. Sarebbe inoltre necessario mettere in piedi alternative, come treni e bus notturni che portino al divertimento senza rischi. Occorre che tutti gli attori in campo diano il proprio contributo, senza distinzione né divisioni, per ridurre a zero il problema, perché quello che sta avvenendo è inaccettabile e va contrastato al più presto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento