Super tombola di Pasqua alla residenza Zangheri con i Lions Forlì

"In questo modo si intende dare continuità ad un service che caratterizza l'attività del club - dichiara Gabriele Zelli - sempre più rivolta alle problematiche delle persone anziane più bisognose e fragili, ospitate in strutture protette"

La "Residenza Pietro Zangheri", situata nel centro storico di Forlì è un ente che si occupa dal 1886 delle persone svantaggiate, dapprima come ricovero di mendicità e successivamente come casa di riposo per anziani. Immersa in un vastissimo parco voluto dal naturalista Pietro Zangheri (1889-1983), al quale l'istituzione è intitolata, essendone stato prima dipendente in qualità di ragioniere e poi di direttore, oggi è una struttura capace di offrire ospitalità a circa 300 persone rispondendo alle più diverse necessità abitative ed assistenziali. Anche in questo luogo, adeguatamente strutturato e con personale qualificato, diventa sempre di più importante animare le giornate per far trascorrere il tempo agli ospiti in modo collettivo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È per questo che per  domenica 25 marzo, a partire dalle 15.30, si svolgerà presso la Residenza Zan la classica "Super Tombola di Pasqua", promossa dal Lions Club Forlì Host. Un gruppo di soci del sodalizio forlivese, coordinato dal secondo vicepresidente Foster Lambruschi, organizzerà per il nono anno consecutivo diverse tombole per gli ospiti della struttura, con la possibilità di partecipare per i familiari che lo vorranno, e al termine consegnerà alla direzione della Zangheri 300 euro affinché acquisti ai vincitori quanto a loro necessario, come capi di abbigliamento e beni di prima necessità. 
 
"In questo modo si intende dare continuità ad un service che caratterizza l'attività del club, dichiara Gabriele Zelli, presidente del Lions Club Forlì Host, sempre più rivolta alle problematiche delle persone anziane più bisognose e fragili, ospitate in strutture protette. È di poche settimane fa un'inziativa analoga presso la Casa di Riposo Paolo e Giselda Orsi Mangelli che ha ottenuto unanime consenso sia da parte degli ospiti sia da parte dei familiari e degli operatori". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Aziende, il premier firma il decreto: ecco le attività che possono restare aperte

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

  • Balzo degli infetti nel Forlivese: +36 in 24 ore. In Rianimazione ci sono 11 positivi al virus

Torna su
ForlìToday è in caricamento