Il mondo dello "svapo" in rivolta sui controlli in fiera a Forlì: in totale 3 sequestri e denunce

Continuano a levarsi le proteste del cosiddetto “mondo dello svapo” contro la Guardia di Finanza di Forlì. I social network e YouTube, infatti, si sono riempiti in questi giorni di decine di video

Continuano a levarsi le proteste del cosiddetto “mondo dello svapo” contro la Guardia di Finanza di Forlì. I social network e YouTube, infatti, si sono riempiti in questi giorni di decine di video in cui il settore della sigaretta elettronica e dei suoi utilizzatori discute dell'intervento fatto dalle Fiamme Gialle sabato sera durante la fiera di settore “Svapor Expo”, nei padiglioni di via Punta di Ferro. Alcuni blog di settore parlano anche di “stato di polizia”, “intimidazione” e “Finanza nelle mani delle multinazionali”. I controlli sono stati descritti come un blitz che ha paralizzato la fiera, con decine di militari all'interno e altrettanti fuori a cinturare le uscite, con interventi massivi su vari stand.

Tuttavia non è la descrizione degli accadimenti che filtra dagli inquirenti: sabato sera, ad un'ora dalla chiusura della manifestazione, hanno effettuato un loro servizio 6 finanzieri in totale tra interni ed esterni, suddivisi in 3 squadre. Gli stand controllati sono stati 3, sui quali sono avvenuti sequestri di liquidi per il reato di contrabbando, che tecnicamente rappresenta l'illecito fiscale di chi non versa all'erario le accise su determinati prodotti. Una normativa molto tecnica relativa al pagamento della tassa per particolari prodotti come appunto i tabacchi, a cui le sigarette elettroniche – con una normativa in evoluzione – vengono equiparate. Su questa normativa esistono sentenze giurisprudenziali e regolamenti in via di emanazione, anche sul cosiddetto “zero nicotina”.

I sequestri sono stati significativi ed ora il fascicolo è al vaglio dell'autorità giudiziaria per il reato di contrabbando. E' possibile che saranno elevate delle multe, anche di importi consistenti. Altri sequestri minori sono avvenuti per la mancanza del marchio CE, questi puniti in via amministrativa per le norme sulla sicurezza dei prodotti messi in vendita. E' quindi di tre denunce ed altrettanti sequestri il bilancio dell'attività dei controlli alla fiera. In un video, uo dei denunciati, dopo essersi consultato col proprio legale, ha confermato che in questo momento va applicata al consumatore l'accisa, avvisando tutti i "colleghi"

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Video

    Riapre finalmente il porticato in piazza Saffi, ma i negozi diventeranno uffici

  • Cronaca

    Le seghe ricompaiono in corso Diaz, abbattuto uno dei controversi bagolari

  • Salute

    Tumori rari: Irst riferimento europeo per la clinica, la ricerca e la formazione

  • Cronaca

    Bando periferie, è rottura tra Comuni e governo. Drei: "Difenderemo i patti sottoscritti"

I più letti della settimana

  • MotoGp, Valentino Rossi torna a divertirsi al Galliano Park: e fa il record della pista

  • Presa a pugni mentre fa jogging al Parco Urbano, terrore per una 44enne: individuato l'aggressore

  • Violento nubifragio nell'entroterra: le strade si trasformano in fiumi d'acqua e fango

  • Falciata sulle strisce pedonali da un'auto: è in gravi condizioni

  • Picchiata mentre fa jogging, cittadino insegue l'aggressore: "Non arrendiamoci alla paura"

  • Aeroporto, fissata la data della riapertura. La Lega: "Massimo sostegno". Il Pd risponde alle accuse del centrodestra

Torna su
ForlìToday è in caricamento