Terme di Castrocaro, nuove tensioni tra sindacati e società

I sindacati denunciano nuovamente la "scarsa affidabilità della Direzione Aziendale di Salsubium gestore delle Terme di Castrocaro. Nuovamente infatti si evidenzia un mancato rispetto degli accordi tanto faticosamente raggiunti"

I sindacati denunciano nuovamente la ”scarsa affidabilità della Direzione Aziendale di Salsubium gestore delle Terme di Castrocaro.  Nuovamente infatti si evidenzia un mancato rispetto degli accordi tanto faticosamente raggiunti”.  Arriva la risposta: “Nell’incontro del 12 agosto la società Salsubium ha confermato il proprio impegno sull’attuazione del programma di investimenti volto a recuperare redditività e competitività aziendali”, ribatte  il vicepresidente  Silvano Verlicchi .
 
"L’azienda non solo ha ignorato la richiesta di incontro del 24 agosto che a seguito dell’assemblea del personale chiedeva alla direzione di aprire immediatamente un tavolo, ma non ha tenuto fede agli accordi i quali prevedevano l’istituzione  di un tavolo di monitoraggio per i contratti in scadenza al fine di  tutelare il più possibile i lavoratori e permettere a tutti di svolgere una stagione di durata congrua ai criteri previsti dal CCNL e ribaditi nell’ accordo del 12 agosto.  Per queste ragioni riteniamo che Salsubium abbia dimostrato in questa occasione di non avere a cuore il territorio, le Terme, il personale occupato e di non avere rispetto per le Organizzazioni Sindacali e ancora peggio per l’RSU di stabilimento.  Chiediamo il rispetto degli accordi, l’istituzione urgente del tavolo di monitoraggio prima delle prossime scadenze contrattuali che ci risultano essere il 1.10.2011 e soprattutto chiediamo maggiore rispetto per i lavoratori, il sindacato e anche per la comunità di Castrocaro snervata dalle lamentele sulla gestione da parte dei dipendenti e dei clienti.  Non sappiamo se questo atteggiamento abbia uno scopo, di certo non aumenta l’autorevolezza ne tanto meno la stima di questa azienda agli occhi dei lavoratori, delle loro famiglie, della comunità. Ci auspichiamo un cambio di atteggiamento che possa anche accompagnare serenamente non solo le discussioni interne ma anche i difficili percorsi di un’eventuale “privatizzazione” della struttura”., questa la nota dei sindacati.
 
Nell’incontro del 12 agosto 2011 la società Salsubium ha confermato il proprio impegno sull’attuazione del programma di investimenti volto a recuperare redditività e competitività aziendali.  Tale impegno è quanto mai necessario ed urgente per invertire la tendenza negativa da tempo in atto, caratterizzata da una situazione che vede il settore termale in lento e progressivo declino.  La società Salsubium gli accordi li rispetta.  Per quanto riguarda la forza lavoro, la società mantiene gli impegni assunti con i sindacati. Infatti come da prassi consolidata, Salsubium conferma ancora una volta che in merito ai criteri di assunzione del personale stagionale, per l’anno in corso, si continuerà come concordato con i sindacati ovvero: nel rispetto della professionalità e della anzianità di stabilimento. Nell’accordo sottoscritto il 12 agosto i sindacati hanno chiesto che si mantenga aperto un “tavolo tecnico” al fine di monitorare gli ingressi e le uscite di personale.  Anche in questo caso confermiamo la nostra disponibilità. In merito alla richiesta di incontro sindacale pervenutoci verso la fine del mese di agosto, nei prossimi giorni proporremo una data di incontro da farsi entro breve”.  Questa la risposta della società.
 
 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Aziende, il premier firma il decreto: ecco le attività che possono restare aperte

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

  • Balzo degli infetti nel Forlivese: +36 in 24 ore. In Rianimazione ci sono 11 positivi al virus

Torna su
ForlìToday è in caricamento