Ubriaco infastidisce un fornaio, poi prende a calci e pugni i Carabinieri: arrestato

Un algerino di 36 anni è stato arrestato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità

Annebbiato dai fumi dell'alcol ha cominciato ad infastidire il titolare di un forno, per poi aggredire con calci e pugni i Carabinieri intervenuti. Un algerino di 36 anni è stato arrestato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità. L'episodio si è consumato alcune nottati fa a Galeata. A chiedere l'intervento dell'Arma è stato l'esercente, che ha lamentato la presenza di un individuo che lo stava infastidendo, chiedendo con insistenza da mangiare.

Al rifiuto del titolare del punto vendita, ha dato in escandenscenza, danneggiando alcuni oggetti. Sul posto è giunta in poco tempo una pattuglia dell'Arma, impegnata con i colleghi di Premilcuore in un servizio controllo del territorio. Nonostante la presenza del personale in divisa, il 36enne ha continuato con le offese. Quindi ha preso di mira i militari, con epiteti, per poi scagliarsi contro con calci e pugni.

Immobilizzato, è stato portato in caserma, dove ha continuato negli atteggiamenti violenti. A quel punto è scattato l'arresto. Il giudice ha convalidato l'arresto (pubblico ministero Fabio Magnolio), rimettendolo in libertà in attesa di giudizio (sono stati richiesti i termini a difesa).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I suoi nudi artistici fanno il giro del mondo, ma lei ha scelto Forlì: "La Romagna mi ha adottata"

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Le rubano una bici elettrica, coppia finisce nel mirino della Polizia

  • Pizza napoletana per la ricerca contro il Coronavirus: "Divieto ai cinesi? Chiedo scusa"

  • Notte movimentata al pronto soccorso: dà in escandescenza per i tempi d'attesa e minaccia un'infermiera

  • Non si vedeva da alcuni giorni, trovata senza vita in casa: addio alla storica bidella

Torna su
ForlìToday è in caricamento