Un pezzo della storia agraria di Forlì appeso ad un muro di Bogotà

Il marchio medagliato reca al centro il “Polivomero”, aratro copriseme da lui inventato. L’attrezzo è circondato da un serto di luppolo e da spighe d’orzo

Bogotà e Forlì hanno l’accento tronco in comune. Inoltre, stando a una singolare testimonianza fotografica, in un locale si può trovare un’immagine che si vede in questa foto, scattata appunto nella capitale sudamericana. Si tratta del “logo” dell’Agenzia di macchine e strumenti agrari di Gaetano Pasqui di Forlì, altrimenti noto come pioniere della birra artigianale italiana. L'immagine è incorniciata in un muro  di una pizzeria con forno a legna nota con l’acronimo “D.q.m.” (“Da quei matti”), che si trova a Usaquén.  L'hashtag “Romagna nel cuore” è stato aggiunto da chi si è accorto di questo quadretto particolare, in Colombia per motivi di studio.

Il marchio medagliato reca al centro il “Polivomero”, aratro copriseme da lui inventato. L’attrezzo è circondato da un serto di luppolo e da spighe d’orzo (segno che l’amore per la bevanda era sempre fortissimo). Inoltre, in cima, fanno capolino il leone e l’unicorno, traccia inequivocabile del premio che il forlivese vinse a Londra nel 1862 per la sua birra

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’agronomo forlivese, oltre a preoccuparsi di invenzioni agrotecniche e di sperimentare colture allora “esotiche” (arachide, luppolo, barbabietola da zucchero), avviò la “Premiata Fabbrica di Birra Gaetano Pasqui – Forlì” che produsse decine di migliaia di bottiglie all'anno. Si trattava di un piccolo impianto attivo tra il 1835 e il 1879 nella prima periferia della città. Essendo fuori “dai giri” non si è mai trasformato in una realtà puramente industriale nonostante numerosi premi e presenze anche all’estero. Questa sua storia particolare e ancora non del tutto nota ai romagnoli è raccontata ne “L’uomo della birra” (CartaCanta, 2010), saggio scritto da Umberto Pasqui che, sette generazioni dopo l’avo Gaetano, con i parenti ha ridato vita a questa storia avviando la produzione di birre dedicate al birraio di Forlì che il 14 novembre scorso avrebbe compiuto 210 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento