Un pezzo della storia agraria di Forlì appeso ad un muro di Bogotà

Il marchio medagliato reca al centro il “Polivomero”, aratro copriseme da lui inventato. L’attrezzo è circondato da un serto di luppolo e da spighe d’orzo

Bogotà e Forlì hanno l’accento tronco in comune. Inoltre, stando a una singolare testimonianza fotografica, in un locale si può trovare un’immagine che si vede in questa foto, scattata appunto nella capitale sudamericana. Si tratta del “logo” dell’Agenzia di macchine e strumenti agrari di Gaetano Pasqui di Forlì, altrimenti noto come pioniere della birra artigianale italiana. L'immagine è incorniciata in un muro  di una pizzeria con forno a legna nota con l’acronimo “D.q.m.” (“Da quei matti”), che si trova a Usaquén.  L'hashtag “Romagna nel cuore” è stato aggiunto da chi si è accorto di questo quadretto particolare, in Colombia per motivi di studio.

Il marchio medagliato reca al centro il “Polivomero”, aratro copriseme da lui inventato. L’attrezzo è circondato da un serto di luppolo e da spighe d’orzo (segno che l’amore per la bevanda era sempre fortissimo). Inoltre, in cima, fanno capolino il leone e l’unicorno, traccia inequivocabile del premio che il forlivese vinse a Londra nel 1862 per la sua birra

L’agronomo forlivese, oltre a preoccuparsi di invenzioni agrotecniche e di sperimentare colture allora “esotiche” (arachide, luppolo, barbabietola da zucchero), avviò la “Premiata Fabbrica di Birra Gaetano Pasqui – Forlì” che produsse decine di migliaia di bottiglie all'anno. Si trattava di un piccolo impianto attivo tra il 1835 e il 1879 nella prima periferia della città. Essendo fuori “dai giri” non si è mai trasformato in una realtà puramente industriale nonostante numerosi premi e presenze anche all’estero. Questa sua storia particolare e ancora non del tutto nota ai romagnoli è raccontata ne “L’uomo della birra” (CartaCanta, 2010), saggio scritto da Umberto Pasqui che, sette generazioni dopo l’avo Gaetano, con i parenti ha ridato vita a questa storia avviando la produzione di birre dedicate al birraio di Forlì che il 14 novembre scorso avrebbe compiuto 210 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I suoi nudi artistici fanno il giro del mondo, ma lei ha scelto Forlì: "La Romagna mi ha adottata"

  • Sciagura sui binari, morto un giovane travolto da un treno: traffico paralizzato per ore

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Le rubano una bici elettrica, coppia finisce nel mirino della Polizia

  • Pizza napoletana per la ricerca contro il Coronavirus: "Divieto ai cinesi? Chiedo scusa"

  • Notte movimentata al pronto soccorso: dà in escandescenza per i tempi d'attesa e minaccia un'infermiera

Torna su
ForlìToday è in caricamento