L'accusa del M5S: "Unione dei Comuni, atti degli ultimi due anni tutti da rifare"

“Tutti i documenti amministrativi dell'Unione dei Comuni della Romagna Forlivese pubblicati nell'albo pretorio degli anni 2014 - 2015, cioè fin dal momento della sua nascita ad oggi, saranno di fatto annullati e sostituiti"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Tutti i documenti amministrativi dell'Unione dei Comuni della Romagna Forlivese pubblicati nell'albo pretorio degli anni 2014 - 2015, cioè fin dal momento della sua nascita ad oggi, saranno di fatto annullati e sostituiti. A dichiararne la non validità conclamata è stata Anna Maria Galassi segretario della stessa Unione”: lo denuncia in una nota congiunta, il Movimento 5 stelle di Forlì e di Forlimpopoli che ricostruiscono i fatti: “Visionando la determina n. 526/2015 abbiamo visto che la Galassi ha definito tutti i documenti amministrativi pubblicati negli ultimi 2 anni sull'albo pretorio dell'Ente come file sperimentali e determine parallele e quindi, implicitamente, non validi”.

E prosegue: “Lei stessa ha accusato inoltre i propri dipendenti di aver firmato digitalmente i file con la sua chiave senza che ne fossero autorizzati! A nostro parere si tratta di un'incredibile anomalia, che potrebbe costituire un enorme illecito amministrativo. O quantomeno – aggiungono i pentastellati – dimostra la totale mancanza di controllo sull'ente da parte dei dirigenti, o forse sarebbe meglio dire del dirigente, poichè fino a pochi mesi fa la stessa Anna Maria Galassi era l'unica figura dirigenziale, e ancora oggi accentra a sé multiple posizioni chiave: segretario, dirigente ed economo dell'Unione. Inoltre, come se non bastasse, la Galassi riveste anche il ruolo di direttore dell'Asp San Vincenzo De’ Paoli per il territorio di Civitella di Romagna, Galeata, Premilcuore e Santa Sofia”.

“Ci chiediamo come sia stato possibile, nell'arco degli ultimi due anni, che nessuno tra chi riveste posizioni apicali si sia mai accordo di niente. E vista questa ultima clamorosa scelta di annullare e sostituire due anni di atti amministrativi per incompetenza, ci chiediamo anche: annulleranno e restituiranno anche i premi di produttività dei dirigenti?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Covid-19, amici o fidanzate non conviventi in auto: tutte le regole da seguire

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Corso Mazzini perde un "pezzo", Trevi Sport chiude: "Una scelta sofferta, ma siamo rimasti soli"

Torna su
ForlìToday è in caricamento