Università, Unibo presenta il Bilancio Sociale. Si celebrano i 30 anni di Ser.In.Ar

Strategico per Ser.In.Ar. rimane anche il ruolo di collettore fra formazione universitaria e il mondo delle imprese

Martedì, alle 9.45, il Teaching Hub del Campus di Forlì ospiterà la presentazione del nuovo Bilancio Sociale dell’Università di Bologna, unitamente alla celebrazione del 30° di attività di Ser.In.Ar., società pubblico/privata che ha reso possibile il decentramento dell’Università di Bologna in Romagna. All’evento interverranno il Magnifico Rettore Francesco Ubertini, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, il professore emerito dell’Alma Mater Fabio Roversi Monaco e il sindaco di Forli Davide Drei. L’illustrazione dei dati del Bilancio Sociale sarà curata da Angelo Paletta, delegato a Bilancio, programmazione strategica e innovazione di processo dell’Università di Bologna.

A seguire, è prevista una tavola rotonda dedicata ai rapporti tra l’Ateneo e i suoi stakeholder alla quale parteciperanno Pietro Fochi (rappresentante italiano dello United Nations Youth Delegate Programme), Fabrizio Moretti (presidente della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini), Giovanni Martinelli (direttore scientifico dell’Istituto Tumori della Romagna – IRST, IRCCS di Meldola), Roberto Pinza (presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì), Alberto Zambianchi e Piero Gallina (Ser.In.Ar.)

Per quanto concerne la celebrazione dei trent’anni di attività di Ser.In.Ar, verrà ribadito il ruolo che la società ha giocato per il decentramento ed il consolidamento degli studi universitari in Romagna e il ruolo di collegamento tuttora svolto fra l’Università e gli Enti territoriali, per attivare le sinergie necessarie per migliorare gli standard qualitativi dei servizi agli studenti e la qualità della didattica e della ricerca, in una logica di Multicampus, attività che Ser.In.Ar. svolge anche in collaborazione con gli altri due enti di sostegno romagnoli (Fondazione Flaminia e UniRimini), in rete tramite un’apposita convenzione. Strategico per Ser.In.Ar. rimane anche il ruolo di collettore fra formazione universitaria e il mondo delle imprese, oggi a maggior ragione, dopo che la società è divenuta ente gestore del Tecnopolo di Forlì Cesena, con una forte vocazione verso processi di innovazione industriale, possibili grazie agli alti livelli della ricerca implementata dall’Università di Bologna, tramite i propri CIRI (tre dei quali hanno sede nella provincia di Forlì-Cesena).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

Torna su
ForlìToday è in caricamento