"Usare le frecce è un gesto di civiltà": al via la campagna di Asaps

Dopo quella contro l'uso del telefonino alla guida, l'Asaps, l'associazione sostenitori della Polstrada, ha promosso una campagna per l'utilizzo degli indicatori di direzione

Dopo quella contro l'uso del telefonino alla guida, l'Asaps, l'associazione sostenitori della Polstrada, ha promosso una campagna per l'utilizzo degli indicatori di direzione. "Il problema è estremamente diffuso - esordisce il presidente dell'associazione, Giordano Biserni - Gli automobilisti italiani non utilizzano abbastanza le frecce quando sono alla guida. Usarle, oltre che un obbligo, è un gesto di civiltà che non costa niente ed è essenziale per la tua sicurezza e quella degli altri".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'uso delle frecce sui veicoli a motore è sancito dall'articolo 154 del Codice della strada", ricorda il messaggio della campagna. "Indicando per tempo la tua direzione di svolta si favorisce non solo chi ti segue ma ancor di più chi viene in senso inverso, specie se devi svoltare a sinistra", evidenzia Biserni. La campagna promossa sul sito web dell’associazione è già è cliccatissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, il ringraziamento dell'azienda ai suoi dipendenti: un aumento in busta paga

  • Coronavirus, altri due morti a Forlì. I casi nel Forlivese salgono a 335

  • Coronavirus, rallenta ancora la crescita dei contagiati. Ufficializzate le prime guarigioni forlivesi

  • Bar aperto e colazioni ai clienti: tutti finiscono multati. Trovato aperto anche un minimarket: chiuso e multato

Torna su
ForlìToday è in caricamento