Valorizzare il fiume Ronco-Bidente, dibattito con gli esperti su come riqualificare il percorso fluviale

Valorizzare il fiume Ronco Bidente, prendendo spunto anche dalle buone pratiche condotte dai vicini riminesi e ravennati. Questo l’intento dell’incontro web

Valorizzare il fiume Ronco Bidente, prendendo spunto anche dalle buone pratiche condotte dai vicini riminesi e ravennati. Questo l’intento dell’incontro web con il quale riparte ufficialmente il processo “Ronco Bidente Partecipato”, progetto chepunta al coinvolgimento di pubblico e privato per la riqualificazione dell’intera area fluviale. L’incontro web si tradurrà in un confronto trasmesso in diretta sulla pagina Facebook del progetto (@Roncobidentepartecipato) e sul canale Youtube di Spinadello Forlimpopoli martedì dalle 16.30 alle 18.30 e dal titolo “Quale futuro per il Ronco Bidente?”. Dopo aver infatti raccolto informazioni e spunti da residenti, fruitori, attività economiche, referenti di tutela ambientale e turismo, il processo prevede il confronto con chi ha già intrapreso percorsi simili prima. A riguardo, sono state individuati il Parco Regionale della Vena del Gesso e il contratto di fiume della Val Marecchia come due modelli di governance da cui trarre ispirazione: l’incontro web prevede dunque una breve presentazione iniziale delle due esperienze e poi la possibilità per chi partecipa di porre domande.

Saranno presenti come relatori: Monica Palazzini, referente per la Regione Emilia Romagna del sistema delle aree protette e della conservazione della biodiversità, per avere uno sguardo di insieme sulle attività a livello regionale; Riccardo Santolini, docente universitario già assessore al Comune di Rimini, membro del Tavolo Nazionale sui Contratti di Fiume; Stefania Sabba: sindaca del Comune di Verrucchio (che assieme  Santolini presenterà quindi il Contratto di fiume Marecchia); Massimiliano Costa, direttore del Parco Regionale della Vena del Gesso e dell’ente di gestione per i Parchi e la biodiversità – Romagna; Dante Gianstefani, presidente Federcaccia Ravenna, anche lui chiamato a intervenire sull’esperienza del Parco della Vena del Gesso.

Dopo una breve presentazione delle diverse esperienze i relatori risponderanno alle domande del pubblico, invitato a partecipare senza limiti di accesso. Al termine della diretta, il video completo dell’incontro sarà comunque anche visibile dal sito www.spinadello.it. Rientra così dunque nel vivo il processo partecipato che, a seguito delle misure anti-Covid, aveva dovuto fermare per tre mesi i suoi incontri pubblici ma che ha continuato via web (tramite la sua pagina Facebook e il sito www.spinadello.it) ad alimentare il confronto attorno al futuro del fiume Ronco Bidente e a promuoverne la conoscenza.

Obiettivo del processo - avviato a fine gennaio con l’incontro tra assessori e tecnici dei Comuni, compreso quello propositivo di Meldola, coinvolta dalle Amministrazioni partner per la sua posizione strategica, con l'affaccio sulla vallata che guarda al parco nazionale e l'incrocio con l'asse dello Spungone  - è dunque quello di “favorire un’integrazione orizzontale tra le amministrazioni e tra loro e gli altri enti competenti per l’area e un’integrazione verticale tra tutti i soggetti che a vario titolo sono portatori di interesse sull’area e che in parte già vi operano spesso senza conoscersi e relazionarsi l’un l’altro”, si legge nel progetto: dai residenti alle attività economiche legate alla valorizzazione turistica e ricettiva o meno, dalle associazioni di tutela ambientale alle pro-loco, fino ai singoli cittadini fruitori dell’area.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il processo prevede quattro fasi di attuazione: dopo quella destinata a individuare i soggetti interessati della zona e ad analizzare la loro percezione sul fiume e le loro istanze a riguardo; la seconda di vera e propria co-progettazione con gruppi di lavoro e stesura del Protocollo di intesa; la terza di consultazione pubblica del documento e infine la quarta, di approvazione del Protocollo e di monitoraggio dello stesso. L'incontro è promosso dal centro visite Spinadello in collaborazione con i Comuni di Forlimpopoli, Forlì e Bertinoro, e con il sostegno della Regione Emilia Romagna,

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Pauroso schianto all'incrocio sulla via Emilia, un'auto si ribalta: due feriti

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Grotte urlanti", turisti allontanati dall'Arma: trovate anche corde per scalare le rocce

  • Apre un nuovo bar-ristorantino a due passi dal Duomo: "Scommetto sul centro, è l'ora del coraggio"

  • Sfuriata ventosa in serata: crollano diversi alberi, serie di interventi dei Vigili del Fuoco

Torna su
ForlìToday è in caricamento