Picchia e offende la moglie davanti al figlio: allontanato dalla famiglia

Non potrà avvicinarsi alla moglie, che si trova già in una casa protetta lontano dalle vessazioni dell'ormai ex marito. E' il contenuto di un divieto di avvicinamento emesso dal tribunale di Forlì nei confronti di un 38enne marocchino

Non potrà avvicinarsi alla moglie, che si trova già in una casa protetta lontano dalle vessazioni dell'ormai ex marito. E' il contenuto di un divieto di avvicinamento emesso dal tribunale di Forlì (gip Monica Galassi), su richiesta del pm Filippo Santangelo, nei confronti di un 38enne marocchino. Le violenze domestiche si consumano in un'abitazione della valle del Rabbi durante lo scorso inverno.

La donna era arrivata in Italia da meno di un anno, grazie ad un ricongiungimento familiare. Da parte sua il 38enne, lavoratore e da tempo residente nel nostro Paese, una volta riunitosi con la moglie aveva iniziato a segregarla in casa, impedendole contatti con le amiche. Quindi uno scenario di offese e minacce, in un caso anche con un coltello. In un'altra occasione, poi, la donna era finita al pronto soccorso con lievi ferite a causa delle percosse del marito violento.

In questa squallida situazione era coinvolto anche il figlio di sette anni, che il padre cercava come alleato, sollecitandolo ai maltrattamenti nei confronti della madre per “dimostrare di essere un uomo”. La donna si è quindi alla fine rivolta all'assistenza dei carabinieri e dei servizi sociali, che hanno trovato per lei un posto in una casa protetta, alla larga dal marito violento. Per difendere ulteriormente la donna, la squadra mobile della Questura di Forlì ha notificato al 38enne un divieto di avvicinamento alla moglie, col rischio di finire arrestato se si troverà a interferire con la sua “nuova vita”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Sono indietro anni luce. Una cultura maschilista che vuole sopraffare e soggiogare la donna togliendole ogni dignità. Non sarà facile ma forse la vera rivoluzione per far cambiare le cose la deve fare la donna, denunciando sempre piu spesso ed aiutando anche politicamente le altre connazionali che vorrebbero affrancarsi da questa barbarie ma non ce la fanno perché si sentono sole e senza risorse.Uno scempio, una vergogna!!!

  • Loro sono convinti che sia normale, ma ci dev'essere un sistema per fargli capire come si sta al mondo.

  • integratissimi !!! complimenti vivissimi ai cultori del siamo tutti uguali, prima le persone poi le frontiere complimenti vivissimi ai signori vescovi e caritas apritevi ai diversi complimenti vivissimi ai "boldriniani" della cittadinanza subito INTEGRATISSIMI !!!!

  • Avatar anonimo di Macchianera
    Macchianera

    Ma cacciarlo da casa nostra senza tanti fronzoli costava tanto? Auguriamoci di non dover leggere più avanti notizie peggiorative sulla vicenda!!!

  • E provare a rimandarlo tra i suoi simili, nooo

Notizie di oggi

  • Cronaca

    I "bravissimi" del Liceo, la storia di Arcadia: "Sogno di diventare ricercatrice medica e aiutare gli altri"

  • Cronaca

    Ladro viene scoperto dal proprietario di casa: dà un morso e scappa

  • Incidenti stradali

    Auto si ribalta nel fossato: gravi due anziani, lunghe code in A14

  • Cronaca

    Statale 67 chiusa con transenne e fuoco per derubare il distributore: modesto bottino

I più letti della settimana

  • Notte da far west: prima un muro di fuoco per bloccare la strada, poi l'assalto al distributore

  • Arriva la rinfrescata temporalesca: "Possibili grandinate con raffiche di vento"

  • Liceo Scientifico, i bocciati sono 40. Sui banchi della maturità saranno in 193

  • Scomparso da sabato, ricerche con sistemi infrarossi per gli elicotteri dell'Esercito

  • Un'altra discoteca in disuso cede il passo alla modernità: addio all'ex Fifty Five

  • Mucca imbizzarrita semina il caos, alla fine viene abbattuta: la protesta degli animalisti

Torna su
ForlìToday è in caricamento