homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Aeroporto senza ali: Wizz Air va a Bologna. Si chiede l'aiuto della Regione

"Dal 31 marzo sposteremo a Bologna tutte le nostre rotte attualmente operate da Forlì. Speriamo che i nostri clienti apprezzeranno la posizione centrale dell'aeroporto di Bologna", è l'auspicio espresso da Daniel De Carvalho, direttore relazioni esterne di Wizz Air. Il passaggio di Wizz Air a Bologna lascia senza tratte attive l'aeroporto di Forlì

"Dal 31 marzo sposteremo a Bologna tutte le nostre rotte attualmente operate da Forlì. Speriamo che i nostri clienti apprezzeranno la posizione centrale dell'aeroporto di Bologna", è l'auspicio espresso da Daniel De Carvalho, direttore relazioni esterne di Wizz Air. Il passaggio di Wizz Air a Bologna lascia senza tratte attive l'aeroporto di Forlì e getta nubi ancora più scure sul suo futuro. Il bando per la privatizzazione dello scalo romagnolo scade il 25 marzo, dopo la proroga stabilita a causa del vuoto di offerte alla prima scadenza di febbraio.

Cgil, Cisl e Uil di Forlì unitamente alle categorie e ai delegati del sito aeroportuale hanno infatti incontrato lunedì il liquidatore della Seaf, Riccardo Roveroni, e tutti i soci, negli uffici dell’Assessorato regionale ai trasporti, per fare l’ultimo punto della grave situazione prima della scadenza. I sindacati, preoccupati dell’avvicinarsi della scadenza del bando senza che alcuna proposta si stia concretizzando, hanno chiesto alle istituzioni presenti, a partire dalla Regione Emilia Romagna, un percorso finalizzato a 2 obiettivi: “Definire i tempi e i modi con cui tutti i lavoratori delle aziende presenti nel sito aeroportuale di Forlì potranno beneficiare degli strumenti a sostegno del reddito e avviare una task–force coordinata dalla Regione Emilia Romagna, con la presenza di tutte le istituzioni del territorio finalizzate ad attivare, in una logica di Area Vasta, politiche attive per il lavoro con l’obiettivo di valorizzare le professionalità presenti nel sito aeroportuale forlivese e dare risposte occupazionali a tutti”. E’ fissato un nuovo incontro per il 26 marzo in Regione per la partenza di questo percorso.

Le organizzazioni sindacali hanno inoltre chiesto che le istituzioni si attivino nei confronti di Enac per conoscere le scelte che questa intende effettuare per il Ridolfi, nel caso in cui la gara vada deserta. Hanno chiesto il coinvolgimento diretto del presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani, perché ritengono che a questo punto, dopo che non si è realizzato un sistema aeroportuale emiliano romagnolo, almeno si cerchi di unire tutte le forze disponibili per dare un futuro dignitoso ai lavoratori coinvolti.

Tornando a Wizz Air, "la decisione di lasciare il 'Ridolfi' è stata presa d'accordo con l'aeroporto, perché Forlì non era più in grado di continuare la collaborazione", afferma De Carvalho. Poi Bologna affonda e gira il coltello nella piaga, con Bruno Filetti, presidente della Camera di Commercio felsinea e socio di maggioranza del Marconi: "Il punto focale è che Bologna si dimostra all'altezza di una compagnia che ha molta accuratezza nel prendere decisioni. Questa occasione ha mostrato quali situazioni sono sostenibili e quali no". Secondo Filetti non c'é più spazio per una politica aeroportuale che tenga in piedi scali poco produttivi: "Noi abbiamo continuato il nostro lavoro, non potevamo distrarre risorse che non avrebbero avuto possibilità di ritorno. Non si possono più usare soldi in modo superficiale e l'atteggiamento di Bologna è stato responsabile verso il territorio e l'economia in generale".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (22)

  • Avatar anonimo di Studente Italiano
    Studente Italiano

    I politici locali di sinistra sempre a sbracciarsi contro chi faceva di tutto per svantaggiare il bando per l'aeroporto di Forlì (bah, ci credeva solo Di Maio). I politici di destra sempre a dire che è colpa dei comunisti che governano il territorio. La gente che si divide tra la difesa dei lavoratori, dell'aeroporto, e la chiusura immediata di tutta la baracca. In un Paese con le "palle" già decine di anni fa si sarebbe fatto qualcosa per evitare il problema oggi, ovvero realizzare/implementare un sistema integrato di trasporti centralizzato su Bologna, per calmierare i prezzi e i costi, senza arrivare con l'acqua alla gola fino al 2013, con la moltiplicazione dei pani e dei pesci (l'aeroporto di Parma, di Forlì, di Rimini; le fiere in tutti i capoluoghi, i musei in tutti i buchi urbani da riqualificare, eccetera), e dopo i milioni di euro (che sembrano noccioline in mano ai nostri politici) buttati con programmi politici e mai tecnici/gestionali. Con quei soldi si potevano asfaltare strade, costruire tramvie, tangenziali, ponti, strade, quartieri residenziali con Piani di Edilizia Pubblica, comprare treni nuovi per i pendolari, aumentare i servizi di trasporto pubblico ed integrarli fra di loro con orari intelligenti e nuovi mezzi (bus, navette meno inquinanti), ed invece si è continuato a foraggiare una criticità cittadina che tutti conoscevano ma nessuno voleva criticare. Eppoi eppoi... però continuiamo a far finta di non vedere, ci penseremo poi...

  • L'aeroporto di Forlì stretto tra Rimini e Bologna era il classico vaso di coccio in mezzo ai vasi di ferro. Certo che però affidare la sua gestione a un ex cardiologo...

  • Io credo che non sia un problema politico, secondo me tutto è nato quando la Ryanair se ne è andata dal Ridolfi perchè l'aeroporto di Bologna gli offriva più soldi(cosa che potevano evitare per farci continuare a vivere), questo significa che se alla Regione non interessa lasciare aperto l'aeroporto di Forlì ci può essere anche il Presidente della repubblica a capo della Presidenza della Regione che non cambierebbe nulla. Ci sono troppi interessi economici dietro a tutto questo e quindi alla Regione fa comodo che il Ridolfi si sia autoeliminato!!!!

  • Avatar anonimo di bobo
    bobo

    ragazzi qui non è più questione di parte politica ma di incapacità o, peggio, di fare interessi diversi

  • Avatar anonimo di Scipione L'Africano
    Scipione L'Africano

    Se il Comune decidesse di acquistare, con i soldi dei contribuenti, un paio di formidabili F35, potrebbe avere buone possibilità di riaprire l'aeroporto affittandolo al Ministero della Difesa.

  • Avatar anonimo di davide
    davide

    ...purtroppo noi siamo nel 20 % che a Forlì e dintorni non vota PD. I restanti hanno ancora il paraocchi come 30 anni fà, e si passano gli ordini all'interno delle famiglie... come in casa dei miei suoceri e affini ! ... si guarda solo tg su rai 3 o rai news, ... si legge panorama,... unico sindacato onesto è la cgl-fiom,... si fà la spesa solo alla coop....si parla solo degli scandali degli altri....è i m p r e s s i o n a n t e.

    • Concordo. Per uno servo, la prima preoccupazione è trovare un padrone. Però, non dimentichiamo che la qualità dell'opposizione certo non aiuta a cambiare idea.

    • simpatici i suoi suoceri, non capisco però perchè leggano un giornale del gruppo Berlusconi... in casa mia siamo un po' più variegati, ci dividiamo tra Renzìani e Bersaniani, votiamo PD SEL e anche Grillo... certo, non abbiamo l'apertura mentale di chi , da vent'anni vota Berlusconi :)

    • "Panorama" sarebbe di sinistra? dai pu'... Comunque a Forli' il PD ha preso il 38%, quindi quelli che non l'hanno votato sono oltre il 60%. Non siete in minoranza.

      • (pardon: non SIAMO in minoranza, non l'ho votato neanch'io)

        • come diceva Freud? :-)

  • Avatar anonimo di bobo
    bobo

    ringraziamo ancora una volta il dott. R. per la sua lungimiranza di sindaco e presidente dell'aereoporto.

  • Vedo le solite strumentalizzazioni di chi la vuole sempre e solo buttare in politica... La verità è che forlì tra bologna e rimini è senza spazio di mercato... Ci arrivava pure un bambini. Oltre che i politici migliaia di forlivesi si sono riempiti la bocca del importanza di avere un aeroporto. Non credo sarà un danno alla nostra economia, aveva un indotto così piccolo che la chiusura sarà irrilevante

  • votate il PD che avrete desolazione ,disoccupazione ,tasse ,ammesso che non siate migranti e rifugiati ...

  • Ma avete mai visto quanti aerei di russi arrivono a Rimini...cercate su internet e vedrete...

  • Signori continuate a votare l sinistra .... È cosa pretendete ? ..... Finoa quando si passano le poltrone fra loro e voi cogl che li votate.... Sarà possibile che abbiamo avuto come presid aeroporto ...ex medici.... Ex collo nel Dell aeronautica...ex dipendenti dirigenti del comune...... .loro pensano solo alle loro tasche...è questo e' il risultato.... Nel privato se sbagli..sei out.... Qui gli aumentiamo lo stipendio...dal sindaco ingiu.... Bravi bravi votate così.... È andremo avanti un casino

  • Avatar anonimo di Caronte
    Caronte

    E' finita,è stato uno schifo,chi conta si tiene i voli chi non conta un c....si tiene i debiti e non ne risponderà a nessuno...soldi buttati per non concludere nulla,bravi bene! cosa c'è rimasto da rovinare in città?

  • I dati di fatto sono ormai incontrovertibili. E Filetti ha ragione da vendere quando dice che "non si possono più usare soldi in modo superficiale" che è proprio quello che hanno fatto per anni i nostri avventati e interessati amministratori locali. Ai sindacati bisognerà certamente dare il contentino di un'adeguata sistemazione di quelle poche decine di lavoratori che sono stati illusi e ora sono strumentalizzati a loro insaputa. Dopodiché SI CHIUDE e si mette una croce sopra all'aeroporto, a vantaggio di tutti i cittadini forlivesi che si sono ritrovati sul groppone e hanno pagato per anni tutte le spese folli di una "missione impossibile". E alle prossime elezioni amministrative si spera che i forlivesi la croce sopra alla scheda elettorale NON LA METTANO PIU' sul simbolo del PD, che tanti guai ha combinato in questi decenni (tutti regolarmente messi a carico dei cittadini che li hanno pagati profumatamente). Chissà come sarebbe potuta progredire Forlì senza tutti i buchi milionari causati da una classe di politici inetti. Altro che buchi nelle strade!! Speriamo che i grillini o chi per loro possano cominciare anche qui da noi a far "rendicontare anche le caramelle". Punto.

  • Come no! Certamente i suoi clienti forlivesi saranno più contenti, è più comodo prendere l'aereo da Bologna piuttosto che da Forlì. Ma va a..........

  • Avatar anonimo di davide
    davide

    ... che vergogna. E in tutto nell'indifferenza totale,.... e senza alcun responsabile ! Che vergogna. Dove sono i sindacati,... dov'erano quando le precedenti gestioni , anzichè aumentare i voli, raddoppiavano i debiti.. e nessuno è responsabile ?... meglio andare a rubare !.

  • Quindi non vedremo più due gnocche russe come quelle della foto scendere al Ridolfi? Questo si che è un dramma!!!

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    A14, cane abbandonato investito e ucciso in terza corsia: incidente e traffico in tilt

  • Cronaca

    Tre ubriachi sulle strade, una donna viaggia con l'auto senza assicurazione e sottoposta a fermo

  • Sport

    Softball, Forlì ancora una volta regina: vince la Coppa Italia

  • Cronaca

    Calcio, al Morgagni il trofeo SgLab contro la celiachia - LE FOTO

I più letti della settimana

  • La Centroplast cambia bandiera: acquisita dalla multinazionale Saica

  • Querzoli in liquidazione, ci sono commesse per il reimpiego di parte dei lavoratori

  • Dati positivi per le prime due settimane di saldi: una famiglia spende in media 158 euro

  • Ai blocchi di partenza il tour mondiale di promozione di Fieravicola

Torna su
ForlìToday è in caricamento