Accordo tra associazioni e proprietari: a Forlì affitti con sconti fiscali e meno costosi

Le associazioni sono a disposizione dei cittadini nelle loro sedi forlivesi, per consulenza e per assistenza

Meno tasse e meno burocrazia per i proprietari di immobili di Forlì che affittano i loro locali ad uso abitativo e canoni meno onerosi per gli inquilini. Questo è possibile avvalendosi del protocollo stipulato tra il Comune di Forlì e le associazioni dei proprietari di immobili ed i maggiori sindacati degli affittuari. Infatti  in questi anni il mercato degli immobili in affitto ha seguito l’andamento della crisi economica rendendo disponibili più appartamenti, ma con la necessità di periodi di locazione più lunghi e pigioni meno costose. In questo contesto sono state approvate delle norme con l’intento di agevolare l’incontro di domanda e offerta, quali la cosiddetta “cedolare secca”, che prevede un’aliquota fiscale del 10% al posto della tassazione ordinaria, e, come nel caso del Comune di Forlì, una riduzione dell’1% sull’IMU. 

"Queste agevolazioni - viene spiegato Cisl, Confedilizia Forlì-Cesena, Asppi Forlì, Sicet Romagna, Sunia di Forlì-Cesena e Uniat - ono possibili per alcune tipologie di contratti di locazione quali il contratto a canone concordato, quelli transitori e quelli per gli studenti universitari. Una opportunità per dare risposte sia ai proprietari che agli inquilini nonché al fine di attivare un mercato, quello degli affitti agevolati, in un periodo di staticità del mercato immobiliare che ultimamente, però, sta dimostrando segnali di ripresa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Viene precisato "che al momento del deposito del contratto all’Agenzia delle Entrate è necessario allegare un ulteriore documento chiamato “asseverazione” nel caso i presentatori non siano assistiti delle associazioni dei proprietari o degli inquilini. Invece, nel caso la pratica sia stata predisposta da queste associazioni, l’asseverazione non occorre in quanto la certificazione dei requisiti per l’ammissione ai benefici è effettuata dalle associazioni stesse". Le associazioni sono a disposizione dei cittadini nelle loro sedi forlivesi, per consulenza e per assistenza nella eventuale compilazione delle pratiche d’affitto concertato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

  • "Picchiato con calci e pugni": paura sotto la torre dell'orologio, 23enne ferito

  • Apre un nuovo bar-ristorantino a due passi dal Duomo: "Scommetto sul centro, è l'ora del coraggio"

Torna su
ForlìToday è in caricamento