Alternanza scuola-lavoro: proseguono i percorsi di formazione per gli studenti

L’iniziativa integra i percorsi didattici curricolari ed extracurricolari del progetto “Hera ti insegna un mestiere…a scuola”

Dai banchi di scuola all'azienda: dopo la positiva esperienza dello scorso anno scolastico, Hera ha aperto le porte delle proprie sedi aziendali ad altri due studenti dell’Istituto Tecnico Tecnologico Statale Marconi di Forlì offrendo un importante contributo alla loro formazione grazie a percorsi per addetto attività tecniche del presidio operativo sistemi acqua, tecnico preventivista e di laboratorio. I nuovi percorsi di alternanza scuola-lavoro, attraverso i quali i ragazzi possono svolgere attività concrete inerenti i processi di lavoro affiancati dal personale Hera in veste di tutor, previsti nel territorio di Forlì-Cesena sono 11 (contro i 9 dell’anno scolastico 2015-16), per un totale di circa 150 ore di formazione per ogni studente: i primi 4 sono stati avviati il 30 gennaio e si sono conclusi il 22 febbraio scorso, 2 sono in corso, mentre gli ultimi 5 partiranno in giugno come stage estivi.

Complessivamente sono 80 i percorsi di alternanza scuola-lavoro attivati da Hera per il 2016-2017 (20 in più rispetto allo scorso anno) con le scuole dei territori in cui sono ubicate le sedi operative del Gruppo. In quello di Forlì-Cesena, nello specifico, si svolgono presso le sedi aziendali del Gruppo Hera di via Balzella 24 a Forlì e Via A. Spinelli 60 a Cesena e coinvolgono studenti dei seguenti indirizzi di studio: amministrazione finanza e marketing, elettronica ed elettrotecnica, chimica e materiali. I percorsi seguono una metodologia basata sull’integrazione tra le competenze lavorative e quelle dei piani didattici. Tecnici e manager Hera fanno da tutor, delineando insieme agli insegnanti itinerari specifici che consentano agli studenti di rafforzare e integrare le competenze già apprese a scuola attraverso esperienze professionali in azienda. Tutte le attività vengono monitorate e sono previsti momenti di valutazione, finalizzati alla crescita dei ragazzi.

Al termine, vengono rilasciate da Hera le attestazioni delle competenze tecnico-professionali acquisite, in linea con gli standard europei. Questo, per permettere agli studenti di poter affacciarsi al mondo del lavoro con un curriculum già ricco di esperienze pratiche, oltre a quelle teoriche. Un punto di forza che potrà aiutarli nella ricerca di un impiego in una società sempre più competitiva ed esigente, o nell’orientarsi verso scelte formative precise per il loro lavoro, per esempio il tipo di università. Grazie a questo progetto, nell’arco di tre anni in tutte le province emiliano-romagnole servite dalla multiutility (fra cui Forlì-Cesena) verranno attivati con le scuole, in particolare con le classi terze e quarte, 180 percorsi di alternanza scuola-lavoro.

L’iniziativa integra i percorsi didattici curricolari ed extracurricolari del progetto “Hera ti insegna un mestiere…a scuola”, che l’azienda mette in campo da tre anni e che prevede sessioni didattiche con il supporto di personale tecnico-professionale Hera, sia in aula che presso gli impianti del Gruppo, in vista della preparazione dei tecnici del futuro. Inoltre, si colloca in linea con i continui investimenti della multiutility sul cosiddetto “capitale umano”, cioè le persone e le loro capacità, vero patrimonio del Paese così come di Hera. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade di sangue, ancora una tragedia: drammatico schianto sulla via Emilia, un morto

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Spese pazze dopo l'assalto alla sala slot: presi a Forlì dopo il colpo da 30mila euro

  • Prima il sopralluogo, dopo una settimana il colpo. Addormentano i cani, sfondano un muro e fan razzia di bici

Torna su
ForlìToday è in caricamento