Ampliamento aree commerciali anche in centro: 5 fuori dalle mura

La variante predisposta dal Comune per l'ampliamento delle zone commerciali, sta creando una forte polemica, ancor prima di essere passata al vaglio del Consiglio Comunale

La variante predisposta dal Comune per l'ampliamento delle zone commerciali, sta creando una forte polemica, ancor prima di essere passata al vaglio del Consiglio Comunale. A spiegare come stanno le cose l'assessore all'Urbanistica Paolo Rava, sentito da Forlitoday, che precisa subito un punto fondamentale: “L'ampliamento da 1.500 mq a 2.500 si potrà fare anche in tutto il centro storico, per aumentare l'attrattività commerciale degli spazi. Al di fuori sono state individuate 5 aree, tutte al di sotto della ferrovia”.

L'ampliamento commerciale e “non alimentare”, ci tiene a specificare l'assessore, riguarderà un'area in zona Ospedale, due sulla via Emilia, zona Marco Polo, una in zona autostrada, e l'ultima in via Bertini, all'altezza della Comet e del supermercato Sma. “Abbiamo un grosso deficit di aree di questo tipo, che nelle altre città sono circa al 18%. Da noi siamo al 4% e dobbiamo pensare ad aumentare le possibilità per attività che cercano questo tipo di spazi”. Bricolage, mobilifici, negozi di elettronica, ma non supermercati. Tipologie merceologiche che non potrebbero mai aprire in pieno centro.

“Questo non esclude certamente il recupero del centro storico naturale della città, dove l'ampliamento sarà possibile. Può darsi che alcune attività decidano di spostarsi al di fuori del centro storico, ma si tratta di tipologie diverse di commercio”, afferma infatti Rava. Insomma la possibilità di creare aree per media struttura di vendita è una necessità per lo sviluppo della città e non esclude in alcun modo il centro storico, dove si potranno applicare gli stessi ampliamenti.

L' approvazione della variante è slittata al consiglio comunale del 17 luglio e se ne discuterà di nuovo nella giunta di giovedì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento