Natale e shopping, si riaccende il dibattito: "Astenersi dal lavoro nei giorni di festa"

. Filcmas Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil ribadiscono "la netta contrarietà", invitando i lavoratori del commercio e gli addetti di tutte le attività svolte all’interno dei centri commerciali "ad astenersi dal lavoro festivo"

Con l'avvicinarsi delle festività natalzie si riaccende il dibattito sulle aperture festive nel settore del commercio. Filcmas Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil ribadiscono "la netta contrarietà", invitando i lavoratori del commercio e gli addetti di tutte le attività svolte all’interno dei centri commerciali "ad astenersi dal lavoro festivo" nelle giornate dell'8, del 25 e 26 dicembre. "Vediamo rafforzato quanto da noi sempre sostenuto sulla base dei contenuti del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro - affermano i sindacati -. La disponibilità al lavoro festivo è una scelta libera e autonoma di lavoratrici e lavoratori. E' confermato anche da recenti sentenze che il datore di lavoro non può imporre al dipendente di lavorare in una giornata festiva e definisce illegittima l'eventuale sanzione disciplinare a punizione del rifiuto al lavoro festivo, se non vi sia stato preventivamente un assenso di quest’ultimo".

Osservano i sindacati: "Come noto la liberalizzazione degli orari introdotta nel 2011 con il Decreto “Salva Italia”  ha eliminato, ogni vincolo e regola in materia di orari commerciali, nel totale disinteresse degli effetti negativi prodotti su milioni di persone, in prevalenza donne, e sulle loro famiglie.  Le nuove regole, ancora ferme in Parlamento, se da una parte potranno permettere agli enti locali e alle parti sociali di ridiscutere di orari di apertura degli esercizi commerciali nei territori, dall’altra, non ponendo vincoli, se non la chiusura in sole 6 festività, sostanzialmente non risolveranno il problema".

Per i sindacati, "le liberalizzazioni sono sbagliate, non aiutano la crescita economica, creano dumping tra piccola e grande distribuzione, svendono le festività, svuotano i centri storici delle città a favore delle cittadelle del consumo, sviliscono la qualità del lavoro spezzettando la prestazione lavorativa e costringendo i dipendenti ad orari improbi ben poco concilianti con le necessità di riposo. Il Parlamento deve riprendere la discussione per porre fine ad una norma sbagliata ed ingiusta". I sindacati ricordano ai