Dopo "America Graffiti" si getta in una nuova avventura: un autosalone di storici bolidi americani

Riccardo La Corte pare proprio non avere pace dal punto di vista imprenditoriale, non fa in tempo a lasciare una sua creatura che già ha un'altra idea nel cilindro

Riccardo La Corte pare proprio non avere pace dal punto di vista imprenditoriale, non fa in tempo a lasciare una sua creatura che già ha un'altra idea nel cilindro. E dalla ristorazione, col marchio America Graffiti, divenuto ormai un franchising di successo con  63 punti vendita in tutt'Italia, ora si butta sulle auto d'epoca. Quali auto? Neanche a dirlo, quelle che appartengono all'immaginario dell'America anni '50 e '60, vale a dire la sua grande passione. Queste auto già davano sfoggio di loro stesse davanti al locale “numero uno” di America Graffiti, lo storico ristorante di via Costanzo II da cui è partito tutto. Ma ora diventano un vero e proprio business. In città, infatti, La Corte ha aperto un autosalone ultra-specializzato in questo genere di veicoli pieni di linee curve e cromature.

Si chiama “Big Boss Garage”: non è un'officina, né una carrozzeria, ma un garage che si occupa – lavorando anche su internet – di compravendita di auto e moto storiche, per lo più americane, ma anche di noleggio con conducente per eventi e cerimonie, ovviamente di veicoli sempre nello stesso stile. La partenza dell'attività è datata a fine maggio, poi dopo un'estate di messa a punto del nuovo business La Corte approda all'inaugurazione del suo autosalone. Domenica alle 16 avrà inizio il party di inaugurazione animato da Mickey Melodies e da il suo DJ set, nella sede di via Borelli. Alle 17 saliranno sul palco The Lucky Lucianos band capitanata da Stelio Lacchini famoso esponente della scena Rock'n'Roll italiana ed europea. Durante la manifestazione sarà servito un buffet e qualcosa da bere a tutti gli ospiti.

Parte così la nuova avventura imprenditoriale, dopo che La Corte aveva ceduto lo scorso ottobre il suo “impero” di America Graffiti al gruppo Cigierre, rimanendo nello staff direttivo come consulente. Lo stesso La Corte resta come titolare dei due locali 'America Graffiti' al Cineflash di Forlimpopoli e al centro commerciale 'Punta di Ferro'. Al suo attivo anche una gelateria. Ma il nuovo impegno che pare lo assorbirà di più nei prossimi tempi sarà appunto l'autosalone. Lui stesso lo descrive così: “Un autosalone di appassionati dove passare a fare due chiacchiere e stare in compagnia, poi se uno proprio vuole compra pure qualcosa, ma l’obiettivo è realizzare un luogo di culto dell’auto e della moto, dove ritrovarsi con il proprio mezzo e farlo ammirare agli amici e scambiarsi informazioni ed esperienze”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

  • Dopo la collisione cade sull'asfalto, le auto lo schivano: paura in A14 per un centauro

  • Oltre un milione di spettatori per il servizio sull'ospedale di Forlì in onda su Rai Tre

  • La "Panda" diventa un'auto stupefacente: la droga era nascosta nel pianale, tre arresti

Torna su
ForlìToday è in caricamento