Contratti di lavoro a tempo determinato: focus di Confindustria sul Decreto Dignità

Circa 80 partecipanti sono intervenuti all’incontro che ha visto in qualità di relatore il professor Carlo Zoli, ordinario di Diritto del Lavoro all’Università degli Studi di Bologna.

Si è tenuto nella giornata di mercoledì un incontro di studio, organizzato da Confindustria Forlì-Cesena, sulle novità introdotte in materia di contratti di lavoro a tempo determinato e di somministrazione, dalla legge di convenzione del cosiddetto Decreto Dignità (Legge 96/2018). Circa 80 partecipanti, in rappresentanza di altrettante aziende associate, sono intervenuti all’incontro che ha visto in qualità di relatore il professor Carlo Zoli, ordinario di Diritto del Lavoro all’Università degli Studi di Bologna.

Numerosi i quesiti che il nuovo complesso quadro legislativo ha suscitato, in considerazione della successione di provvedimenti che in breve lasso di tempo hanno modificato disposizioni normative di grande rilevanza per l’attività e per la gestione del personale delle aziende industriali. I funzionari dell’area sindacale di Confindustria Forlì-Cesena sono a disposizione per fornire alle aziende associate ogni ulteriore approfondimento e/o assistenza sui temi affrontati durante il seminario.

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento