Lavoro, il borsino della provincia: un'impresa su 4 fatica a trovare la figura richiesta

Difficoltà sono segnalete nel ricercare "operai specializzati e conduttori di impianti nelle industrie tessili, di abbigliamento, calzature” (66,7%)

La provincia di Forlì-Cesena al terzo posto in Emilia Romagna, dopo Bologna e Piacenza, per ricerca di personale da parte delle imprese. E' quanto emerge dai dati della Camera di commercio della Romagna - Forlì-Cesena e Rimini. Secondo quanto emerge dai dati, riferiti a ottobre 2017 rilevati in settembre, dell’indagine mensile dei fabbisogni occupazionali delle imprese del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal con elaborazioni dell’ufficio Orientamento, alternanza e placement dell’ente camerale, le imprese alla ricerca di personale sono nel territorio forlivese e cesenate il 17,5%, in calo rispetto alle previsioni precedenti.

Le imprese dell’area Romagna, hanno programmato 4.960 entrate, pari al 16,2% del flusso regionale, e 2.580 sono relative a imprese della provincia di Forlì-Cesena. In Emilia-Romagna gli ingressi programmati sono 30.600 (9% del flusso nazionale) e in Italia si sono attestati a 338.000, di questi, 124.000 (il 37%) sono riservati agli under 30. In linea con il dato nazionale, oltre un terzo delle opportunità di lavoro messe a disposizione dalle imprese sono destinate a giovani under 30 (il 39% a Forlì-Cesena).

Gli impieghi proposti sono alle dipendenze per l’88% a Forlì-Cesena, in prevalenza a tempo determinato (68% rispettivamente). Le entrate più significative riguardano le “Professioni commerciali e dei servizi” (Forlì-Cesena 48%), in particolare 520 nel settore “Commercio”; in imprese con meno di 50 dipendenti per il 67% a Forlì-Cesena. Delle entrate programmate, circa 1 su 4 è complicata dalla difficoltà di reperimento delle figure richieste dalle imprese (nel 25% dei casi a Forlì-Cesena).

Difficoltà sono segnalete nel ricercare "operai specializzati e conduttori di impianti nelle industrie tessili, di abbigliamento, calzature" (66,7%). L’area aziendale di inserimento più frequente per le assunzioni previste è la “Produzione di beni ed erogazione di servizi” in entrambe le province (circa 45%) con difficoltà di reperimento maggiori a Forlì-Cesena (25% contro 16% circa a Rimini) e una richiesta superiore di under 30 (40%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La richiesta di laureati riguarda il 7%. I profili high skills (dirigenti, specialisti e tecnici) saranno il 12%, quando a livello nazionale sono il 20%. La Camera di commercio della Romagna elabora, diffonde e mette a disposizione i dati del Bollettino mensile del Sistema Informativo Excelsior con l’obiettivo principale di fornire indicazioni utili alle politiche del lavoro e all’orientamento professionale. Nella sezione Orientamento, alternanza e placement sul sito http://www.romagna.camcom.gov.it si trovano ulteriori notizie sulle iniziative della Camera della Romagna per favorire l’occupazione nel territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

  • Coronavirus, nel forlivese un nuovo caso ma nessun decesso

Torna su
ForlìToday è in caricamento