Economia strangolata dalla burocrazia: l'analisi di Confartigianato

“Le regole ci strangolano”: una frase ripetuta spesso da chi fa impresa. Una selva di adempimenti che condiziona negativamente la dinamica della produttività e i processi di crescita economica

“Le regole ci strangolano”: una frase ripetuta spesso da chi fa impresa. Una selva di adempimenti che condiziona negativamente la dinamica della produttività e i processi di crescita economica. La persistente burocrazia, che si intreccia con le resistenza nella diffusione della digitalizzazione dei processi di gestione e offerta dei servizi pubblici rivolti a cittadini e imprese, comprime la capacità di produzione di valore aggiunto delle imprese: negli ultimi dieci anni il dato, per ora lavorata, in Italia è salito del +1,3% a fronte del +9,1% registrato nell’Eurozona. Il contesto per l’esercizio dell’attività imprenditoriale è più difficile in Italia che nei Paesi competitor: l’Italia si colloca al 58° posto nel mondo per condizioni favorevoli a ‘fare impresa’. Sulla complessità degli adempimenti burocratici per i cittadini e l’impresa pesa l’enorme mole di leggi in vigore nel nostro Paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ufficio studi di Confartigianato ha effettuato un confronto tra Italia e Germania in relazione all’offerta di alcuni importanti servizi pubblici. Spiega una nota di Confartigianato: “Nel nostro Paese i processi di digitalizzazione sono resi complessi da una pubblica amministrazione “labour intensive” – con un alto rapporto tra lavoro e capitale – e caratterizzata da una elevata età dei dipendenti pubblici. Bassi investimenti e invecchiamento dei dipendenti pubblici riducono la capacità delle Amministrazioni pubbliche di consolidare relazioni digitali con gli utenti dei servizi: in Italia, la quota di occupati che interagiscono via internet con le pubbliche autorità spedendo moduli compilati – attività che riduce i tempi delle procedure e le code agli sportelli è dimezzata rispetto alle media europea. La non brillante performance dell’Italia nella qualità dei servizi pubblici non appare giustificata da una minore spesa pubblica che, nel 2019, è in linea con la media dell’Eurozona e superiore alla media dell’Unione Europea di 1,8 punti percentuali e a quella della Germania di 1,2 punti. Tra i paradossi che si concretizzano nel pieno della rivoluzione digitale, i tempi di attesa per certificati e pratiche anagrafiche che non registrano significativi benefici agli sportelli comunali: la quota di utenti che lamenta lunghe code continua a salire”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio nella zona industriale, un nuvolone nero altissimo preoccupa i forlivesi

  • Bar aperto e colazioni ai clienti: tutti finiscono multati. Trovato aperto anche un minimarket: chiuso e multato

  • Coronavirus, rallenta ancora la crescita dei contagiati. Ufficializzate le prime guarigioni forlivesi

  • Coronavirus, nuova impennata di casi in provincia: +95 in 24 ore. E Forlì registra un'altra vittima

  • Coronavirus, ancora morti nel Forlivese: tre vittime nelle ultime 24 ore. Oltre 900 casi in provincia

  • Coronavirus, un altro morto a Forlì. In città superati i 200 casi. E in provincia sono 775

Torna su
ForlìToday è in caricamento