"False partite Iva" nei cantieri edili, i sindacati: "Fenomeno preoccupante"

"Dopo un'ampia e approfondita analisi delle criticità emerse si è concordato di sviluppare possibili sinergie in ulteriori incontri", spiegano i sindacati

Le rappresentanze sindacali unitarie dei lavoratori edili delle organizzazioni sindacali Feneal-Filca-Fillea dei territori di Forlì e Cesena, rappresentate da Giuseppe Meglio, Luca Kozlowski, Alessandra Garavini, Domenico Parigi e Simone Pagliarani Simone, hanno incontrato nella sede dell’Itl di Ravenna-Forlì- Cesena di Forlì il capo dell’Ispettorato Locale Alessandro Ranieri, Loredana Minichillo e Davide Balzani, responsabile Inps di Forlì e Cesena. Obiettivo dell'incontro, spiegano i sindacati, "valutare con l’ispettorato forme di sinergia volte alla prevenzione, individuazione e contrasto della proliferante piaga delle "false partite Iva" nei cantieri edili e l’altrettanto preoccupante fenomeno dell’improprio utilizzo negli stessi, di forme contrattuali diverse da quello edile di riferimento".

"Dopo un'ampia e approfondita analisi delle criticità emerse si è concordato di sviluppare possibili sinergie in ulteriori incontri, coinvolgendo anche altri soggetti interessati quali, camere di commercio , associazioni datoriali e rappresentanza albo artigiani, oltre che attraverso specifiche segnalazioni avanzate dalle organizzazioni territoriali, con immediate e tempestive verifiche ed eventuali  interventi da parte degli organi preposti", concludono i sindacati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva la neve di Santa Lucia, il parere dell'esperto: ecco ci attende nelle prossime 48 ore

  • Doccia fredda sui lavoratori del centro commerciale: "Ridotti ulteriormente i festivi di chiusura"

  • Ci sono due bellezze di Forlì alla finale di Miss Curvyssima

  • Anziano trovato in mezzo alla strada morto con la sua bici in terra

  • Travolta dal vicino al volante di un furgoncino: ennesima sciagura sulle strade del Forlivese

  • Anche a Forlì le 'Sardine' scendono in piazza: "Riempiamo i cervelli, se no altri riempiranno le pance"

Torna su
ForlìToday è in caricamento