Il settore dei servizi finanziari, il focus sulla provincia: in aumento le imprese

Al settore finanziario di Forlì-Cesena è dedicato l'approfondimento della Camera di Commercio della Romagna

Prosegue l’attività di osservatorio economico territoriale della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini dopo le presentazioni del “Rapporto sull’Economia 2018 e scenari” dello scorso marzo. Il settimo e ultimo approfondimento analizza le dimensioni strutturali e le dinamiche tendenziali del settore finanziario dell’aggregato Romagna – Forlì- Cesena e Rimini, con focus dedicati alle singole realtà provinciali.

Il settore Finanziario in provincia di Forlì-Cesena

In provincia di Forlì-Cesena, nel 2018, si contano 747 imprese attive dei servizi finanziari (incluso i servizi assicurativi), pari al 2,0% del totale (2,2% in Emilia-Romagna e 2,3% in Italia), in aumento del 2,3% rispetto al 2017 (+1,1% a livello regionale e +0,9% a livello nazionale); in calo però gli sportelli bancari del 5,8% annuo (276 unità al 31/12/17). Gli addetti ai servizi finanziari rappresentano l’1,1% del totale degli addetti; in provincia, inoltre, si concentra il 4,6% degli addetti regionali del relativo settore.

Continua, purtroppo, la contrazione del credito: rispetto al 2017, -6,4% i prestiti totali (11.844 milioni di euro al 31/12/18), variazione negativa superiore a quella regionale (-5,0%) e nazionale (-2,5%), e ben -11,0% i prestiti alle imprese; in lieve crescita, invece, i prestiti alle famiglie (+1,1%). Sul fronte depositi bancari (10.308 milioni di euro a fine 2018), si riscontra una relativa stabilità annua (-0,1%), rispetto all'incremento sia regionale (+1,7%) che nazionale (+2,7%). Letto nel medio periodo, il dato sul credito appare ancora più “impietoso”: -17,9%, infatti, i prestiti totali concessi alla clientela tra il 2013 e il 2018. Buono, al contrario, l’andamento dei depositi bancari nello stesso periodo: +20,0%.

Positiva, poi, risulta essere la dinamica del credito al consumo (725 milioni di euro al 30/09/18); in provincia di Forlì-Cesena, infatti, la variazione annua di tale forma di finanziamento (concessa da banche e società finanziarie alle famiglie per l’acquisto di beni di consumo) è risultata pari a +11,0%, con un incremento maggiore rispetto all'Emilia-Romagna (+9,8%) e all'Italia (+7,8%).
Buone notizie, infine, sul fronte delle sofferenze bancarie: -36,6% annuo (1.093 milioni di euro al 30/09/18), anche se rimane ancora alto il tasso di rischio del credito (rapporto sofferenze/prestiti, 8,9%), superiore al dato regionale (7,8%) e nazionale (6,0%); in calo anche il numero degli affidati (5.518 unità, -21,6%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento