La "movida" a Forlì-Cesena, in lieve calo le imprese: ecco i settori in crescita

Il focus su uno dei settori principali del turismo, che è rappresentato da quello trasversale della “movida”

Il Turismo rappresenta un asset strategico nell’economia del territorio della Romagna (Forlì-Cesena e Rimini); una risorsa economica da valorizzare e su cui investire al fine di renderla sempre più attrattiva verso nuovi potenziali turisti. Uno dei settori principali del turismo è rappresentato da quello trasversale della “movida” (termine spagnolo, ormai di uso comune, che descrive una vita notturna molto animata in città): nel dettaglio, si parla di shopping, ricettività, ristorazione, tempo libero, sport, cinema, musica ed eventi.

Imprese della “Movida” in provincia di Forlì-Cesena

In provincia di Forlì-Cesena, al 31 maggio, sono presenti 6.349 imprese attive della "movida" che costituiscono il 17,3% del totale delle imprese; tale quota è simile a quella regionale (17,2%) e inferiore a quella nazionale (19,7%). Tra i settori, spicca il commercio al dettaglio (al netto di quello di seconda mano, ambulante, via internet e corrispondenza), con 2.961 imprese (46,6% sul totale movida), seguito dalla ristorazione, con 2.259 imprese (35,6%), dall’alloggio, con 524 imprese (8,3%), dalle attività sportive e di divertimento, 451 (7,1%), produzione cinematografica e televisiva, 81 (1,3%) e agenzie di viaggio e tour operator, 73 (1,1%).

Nel confronto col 31 maggio dell'anno precedente si registra una lieve diminuzione delle imprese della movida pari allo 0,4%, inferiore alla variazione negativa regionale (-1,0%) e in linea con quella nazionale (-0,5%), dovuta principalmente alla flessione delle imprese del commercio al dettaglio (-1,8%), cui fa seguito il calo di quelle della ristorazione (-0,7%). Aumenti caratterizzano, invece, gli altri settori; in ordine decrescente: agenzie di viaggio e tour operator (+5,8%), alloggio (+5,0%), produzione cinematografica e televisiva (+3,8%) e attività sportive e di divertimento (+2,7%).

Diminuzione anche nel medio periodo: -2,1% rispetto al 31 maggio 2014, causa il “solo” calo nel commercio (-7,4%). Incremento annuo del 4,0%, invece, per gli addetti del settore movida che contano 25mila unità (il 18,9% del totale) al 31 mazo 2019 (ultimo dato disponibile); a beneficiarne tutti i settori, a parte il più volte citato commercio al dettaglio (-0,1%). A livello territoriale, infine, quasi la metà delle imprese della movida ha sede nei due comuni principali di Forlì (26,2%) e Cesena (21,1%); buona comunque anche la presenza nei comuni della riviera: in ordine, Cesenatico (17,1%), Savignano sul Rubicone e Gatteo (3,9% per ciascuno) e San Mauro Pascoli (2,8%), mentre tra i comuni “interni” si distingue Forlimpopoli (3,0%).

Il territorio Romagna (Forlì-Cesena e Rimini)

Al 31 maggio, sono presenti 15.809 imprese attive della movida che costituiscono il 22,3% del totale delle imprese; tale quota risulta superiore a quella regionale (17,2%) e nazionale (19,7%). Tra i settori, spicca il commercio al dettaglio (al netto di quello di seconda mano, ambulante, via internet e corrispondenza), con 6.611 imprese (41,8% sul totale movida), seguito dalla ristorazione, con 4.925 imprese (31,2%), dall’alloggio, con 2.608 imprese (16,5%), dalle attività sportive e di divertimento, 1.299 (8,2%), agenzie di viaggio e tour operator, 220 (1,4%) e produzione cinematografica e televisiva, 146 (0,9%).

Nel confronto col 31 maggio 2018 si rileva una diminuzione delle imprese della movida pari allo 0,9%, in linea con la variazione negativa regionale (-1,0%) e superiore a quella nazionale (-0,5%); ciò è imputabile esclusivamente alla flessione delle imprese commerciali (-2,6%) mentre aumenti caratterizzano gli altri settori, a parte la sostanziale stabilità delle attività sportive e di divertimento (-0,2%).
Diminuzione anche nel medio periodo: -2,7% rispetto al 31 maggio 2014, a causa sempre del commercio al dettaglio (-7,4%). Incremento annuo, invece, per gli addetti del settore movida che contano 75mila unità (il 28,8% del totale) al 31 marzo 2019 (ultimo dato disponibile): +3,8%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

  • Coronavirus, nel forlivese un nuovo caso ma nessun decesso

Torna su
ForlìToday è in caricamento