Marcegaglia, Casadei (PD): "Un tavolo per riaprire le trattative"

In questi giorni si sta svolgendo davanti alla Marcegaglia il presidio indetto dalla FIOM per protestare contro il mancato rinnovo dei contratti di lavoro interinale che interessano 12 giovani lavoratori.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

In questi giorni si sta svolgendo davanti alla Marcegaglia il presidio indetto dalla FIOM per protestare contro il mancato rinnovo dei contratti di lavoro interinale che interessano 12 giovani lavoratori.
La mia solidarietà di democratico non può non andare ai lavoratori che si sono visti chiudere, nell’immediato, una prospettiva di lavoro.
Credo occorra davvero, in questa fase difficile, fare ogni sforzo e non lasciare nulla di intentato per raggiungere accordi che, nel rispetto dei diritti dei lavoratori, possano favorire investimenti da parte delle aziende, specie di aziende importanti per il territorio come Marcegaglia.
Auspico pertanto che, anche mediante un attiva azione delle istituzioni locali, possa riaprirsi immediatamente un tavolo di confronto tra la direzione aziendale e tutte le rappresentanze sindacali, al fine di condividere una soluzione che possa consentire l'impegno dell'azienda nello stabilimento di Villa Selva, anche in previsione degli ampliamenti produttivi già prospettati e, al contempo, alcune garanzie fondamentali per i lavoratori. Penso che un possibile accordo vada assolutamente ricercato con la massima disponibilità di tutte le parti in gioco e che si possa trovare anche facendo ricorso allo strumento dell’apprendistato, in questi giorni al centro trattative condotte dal governo nazionale tra parti sociali e organizzazioni di rappresentanza: si sarebbe così in grado di assicurare una equilibrata flessibilità in entrata ma anche prospettive per una successiva stabilizzazione per i lavoratori.

 

Torna su
ForlìToday è in caricamento