Oltre duemila imprese giovanili attive: al primo posto c'è il commercio

Da rimarcare l’incremento, seppur lieve, delle società di capitale, che permette di avere imprese maggiormente strutturate sul territorio.

Nella provincia di Forlì-Cesena, al 31 dicembre si contano 2.491 imprese giovanili attive (6,7% del totale delle imprese attive); nel confronto con il 31 dicembre 2016, se ne riscontra una diminuzione (-6,6%), superiore alla variazione negativa sia regionale (-4,8%) che nazionale (-2,9%). I principali settori economici risultano il Commercio (690 imprese giovanili, 27,7% sul totale delle imprese giovanili), le Costruzioni (463, 18,6%), gli alberghi e ristoranti (291, 11,7%), l’agricoltura (211, 8,5%), le Altre attività di servizi (180, 7,2%) e l’Ind. Manifatturiera (162, 6,5%); di questi, il settore con la più alta incidenza percentuale delle imprese giovanili (sul totale delle imprese attive) è quello relativo agli Alberghi e ristoranti (10,5%), mentre, con riferimento a tutti i settori, al Noleggio, ag. viaggio e servizi alle imprese (10,6%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rispetto al 31 dicembre 2016, calano le imprese giovanili del Commercio (-13,5%), delle Costruzioni (-15%), delle Altre attività di servizi (-1,1%) e del Manifatturiero (-8%); crescono invece quelle dei settori Alberghi e ristoranti (+2,1%), Agricoltura (+9,3%), Noleggio, ag. viaggio e servizi alle imprese (+9,3%), Attività professionali, scientifiche e tecniche (+5,3%) e, soprattutto, Servizi di informazione e comunicazione (+11,1%). Riguardo alla natura giuridica delle imprese giovanili, prevalgono nettamente le imprese individuali (1.937 unità, 77,8% del totale delle imprese giovanili), in diminuzione del 7,3%, seguite dalle società di capitale (294 unità, 11,8%), in crescita dello 0,3%, e dalle società di persone (233 unità, 9,4%), in calo dell’8,3%; le imprese individuali sono anche quelle con la maggiore incidenza percentuale sul totale delle imprese attive (8,9%). Da rimarcare l’incremento, seppur lieve, delle società di capitale, che permette di avere imprese maggiormente strutturate sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

  • Coronavirus, nel forlivese un nuovo caso ma nessun decesso

Torna su
ForlìToday è in caricamento