Rischio in agricoltura: accordo di Confcooperative per assicurazioni contro gelo, brina e grandine

Il rischio meteo in agricoltura è sempre presente, pur con caratteristiche differenti

Gelo, brina, grandine. I tre fenomeni naturali  in cui si declina gran parte del  rischio in agricoltura. Confcooperative, grazie all’accordo con  VH Italia, filiale italiana di Vereinigte Hagelversicherung, la più grande compagnia assicurativa europea specializzata nel settore dei rischi agricoli, mette a disposizione  delle cooperative agricole la possibilità di accedere a polizze assicurative a condizioni vantaggiose. La partnership tra VH Italia e Confcooperative declina a livello locale un accordo che in ambito nazionale interessa tutta la cooperazione rappresentata dall’Alleanza delle Cooperative (Aci).

Il rischio meteo in agricoltura è sempre presente,  pur con caratteristiche differenti. Se consideriamo gli ultimi tre anni, il 2014 e il 2016 sono stati caratterizzati da diversi eventi e danni consistenti, mentre il 2015 è risultato meno colpito da fenomeni calamitosi. Tuttavia ciò che emerge come costante nelle ultime annate non è l’aumento della frequenza di fenomeni come gelate e grandinate, bensì la loro intensità. E l’intensità del fenomeno ha come conseguenza danni sempre più gravi.

“Le polizze che proponiamo coprono tutte le avversità atmosferiche previste dalla normativa italiana - spiega il   dottor Alessandro Bellini, amministratore delegato di VH Italia Assicurazioni -. La copertura assicurativa è uno strumento fondamentale per la gestione del rischio in agricoltura e la stessa politica comunitaria  si sta orientando a valorizzare  gli agricoltori europei che operano per una corretta gestione del rischio, nell’ambito della quale trova posto anche la polizza assicurativa. Da parte nostra cerchiamo di  partire dal territorio  per arrivare a garantire la massima  valutazione. I nostri periti specializzati non si limitano all’analisi del danno, ma considerano anche il valore commerciale del prodotto danneggiato". 

"L’accordo con VH Italia, che è parte della compagnia monoramo più grande d’Europa   specializzata in rischi agricoli, ci consente di proporre contro il rischio in agricoltura condizioni vantaggiose e soprattutto  pensate per le esigenze del territorio e orientate ad esse - dichiara il direttore di Confcooperative Forlì-Cesena, Mirco Coriaci -. Oggi è sufficiente un’avversità metereologica particolarmente intensa, come da alcuni anni accade  a seguito del cambiamento climatico in atto, per azzerare  la già ridotta marginalità degli agricoltori”. Gli agricoltori del territorio organizzati in cooperative associate all’Alleanza delle cooperative italiane possono accedere alla polizza ad hoc SecuConf che propone vantaggi sia economici, sia di migliore valutazione del danno in caso di sinistro atmosferico. La gestione della polizza è riservata alla cooperativa Global Service con uffici a Forli Cesena e Predappio.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Ex assessore e funzionario di Agenzia delle Entrate condannato per la bustarella

    • Cronaca

      Guardia di Finanza negli uffici dello Sport in Comune per acquisire documenti

    • Politica

      Il M5S: "Soldi pubblici alla cognata dell'assessore", il Comune: "Tutto secondo regolamento"

    • Economia

      Nautica, accordo tra Fincantieri e Ferretti Group: "Il Sistema Paese sarà il motore dell'Italia"

    I più letti della settimana

    • Restano disoccupate, non si scoraggiano e in un mese aprono la loro agenzia viaggi

    • Bonfiglioli cresce ancora e amplia lo stabilimento di Forlì: +7% di fatturato

    • E' ormai vicina la fusione tra Banca di Forlì e BCC Ravennate-Imolese

    • Il forlivese Marco Casadei riporta il "Master del Sangiovese" in Romagna

    • Sul punto di fallire l'operazione Fercam-Artoni: manca l'accordo sindacale sugli esuberi

    • Una chance per sartorie e stilisti: ecco "Pret-a-Porter - Moda e Shopping in Fiera"

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento