Rischio in agricoltura: accordo di Confcooperative per assicurazioni contro gelo, brina e grandine

Il rischio meteo in agricoltura è sempre presente, pur con caratteristiche differenti

Gelo, brina, grandine. I tre fenomeni naturali  in cui si declina gran parte del  rischio in agricoltura. Confcooperative, grazie all’accordo con  VH Italia, filiale italiana di Vereinigte Hagelversicherung, la più grande compagnia assicurativa europea specializzata nel settore dei rischi agricoli, mette a disposizione  delle cooperative agricole la possibilità di accedere a polizze assicurative a condizioni vantaggiose. La partnership tra VH Italia e Confcooperative declina a livello locale un accordo che in ambito nazionale interessa tutta la cooperazione rappresentata dall’Alleanza delle Cooperative (Aci).

Il rischio meteo in agricoltura è sempre presente,  pur con caratteristiche differenti. Se consideriamo gli ultimi tre anni, il 2014 e il 2016 sono stati caratterizzati da diversi eventi e danni consistenti, mentre il 2015 è risultato meno colpito da fenomeni calamitosi. Tuttavia ciò che emerge come costante nelle ultime annate non è l’aumento della frequenza di fenomeni come gelate e grandinate, bensì la loro intensità. E l’intensità del fenomeno ha come conseguenza danni sempre più gravi.

“Le polizze che proponiamo coprono tutte le avversità atmosferiche previste dalla normativa italiana - spiega il   dottor Alessandro Bellini, amministratore delegato di VH Italia Assicurazioni -. La copertura assicurativa è uno strumento fondamentale per la gestione del rischio in agricoltura e la stessa politica comunitaria  si sta orientando a valorizzare  gli agricoltori europei che operano per una corretta gestione del rischio, nell’ambito della quale trova posto anche la polizza assicurativa. Da parte nostra cerchiamo di  partire dal territorio  per arrivare a garantire la massima  valutazione. I nostri periti specializzati non si limitano all’analisi del danno, ma considerano anche il valore commerciale del prodotto danneggiato". 

"L’accordo con VH Italia, che è parte della compagnia monoramo più grande d’Europa   specializzata in rischi agricoli, ci consente di proporre contro il rischio in agricoltura condizioni vantaggiose e soprattutto  pensate per le esigenze del territorio e orientate ad esse - dichiara il direttore di Confcooperative Forlì-Cesena, Mirco Coriaci -. Oggi è sufficiente un’avversità metereologica particolarmente intensa, come da alcuni anni accade  a seguito del cambiamento climatico in atto, per azzerare  la già ridotta marginalità degli agricoltori”. Gli agricoltori del territorio organizzati in cooperative associate all’Alleanza delle cooperative italiane possono accedere alla polizza ad hoc SecuConf che propone vantaggi sia economici, sia di migliore valutazione del danno in caso di sinistro atmosferico. La gestione della polizza è riservata alla cooperativa Global Service con uffici a Forli Cesena e Predappio.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Il Pd verso le primarie: chi sono, come la pensano e che futuro vogliono i tre candidati

    • Cronaca

      Manoni cambia sede dopo quasi due secoli: "Restiamo in centro, perché siamo parte del centro"

    • Cronaca

      E' morto l'imprenditore di Ceracarta Marino Bandini, il cordoglio di Rondoni

    • Cronaca

      "Banca di Forlì" si fonde con la "BCC ravennate e imolese": nasce una nuova banca

    I più letti della settimana

    • Ridolfi, Confcommercio Cesena punta sul rilancio: "Logica bolognocentrica"

    • Da Forlì alla conquista del mercato orientale: nuovi successi per Ferretti

    • I commercialisti pubblicano il bilancio sociale: in provincia ci sono 635 iscritti

    • Una società da 5 milioni: via libera alla fusione di Federcoop, Contabilcoop e Coopservizi

    • Toccare con mano il mondo del lavoro: torna "Girls’ Day", il giorno dedicato alle ragazze

    • Alternanza scuola-lavoro: siglata la collaborazione tra Ragioneria e Confcommercio

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento