Poste, i sindacati: "Per i lavoratori del settore pulizie situazione insostenibile"

Cgil Filcams, Cisl Fisascat e Uil Uiltucs denunciano la situazione lavorativa giudicata "insostenibile" dei lavoratori e lavoratici del settore pulizie di Poste Italiane.

"20 minuti per pulire un ufficio postale, poi di corsa in auto fino a un altro ufficio, 40 minuti di tempo questa volta, poi via in un  terzo locale, 15 minuti per pulirlo. Correndo di continuo, con tempi improbabili da rispettare, per mettere insieme dalle 2 alle 26 ore settimanali pagate circa 7 euro lorde". Cgil Filcams, Cisl Fisascat e Uil Uiltucs denunciano la situazione lavorativa giudicata "insostenibile" dei lavoratori e lavoratici del settore pulizie di Poste Italiane.

"Queste le condizioni contrattuali dei circa 80 dipendenti dell’appalto pulimento di Poste Italiane a Rimini, Forlì, Cesena e Ferrara, e non è  difficile immaginare cosa significhi per ogni lavoratrice  e ogni lavoratore non ricevere puntualmente la propria busta paga, non vedersi riconosciuti straordinari  e rimborsi chilometrici, com’è avvenuto per mesi fino alla busta paga di aprile, con l'azienda che ha cambiato denominazione senza alcuna comunicazione ai sindacati", viene rimarcato.

Proseguono i sindacati: "Tutte hanno in conto corrente impegni economici che puntualmente sono chiamate ad onorare e il mancato pagamento dello stipendio o anche il ritardo di alcuni giorni, dell'accreditamento dello stipendio, porta a loro insormontabili e pesanti disagi. A questo aggiungiamo anche il fatto, di cui ulteriormente rivendichiamo corretta puntualità, che riguarda la disponibilità del cedolino paga cartaceo, ad oggi mancante".

"Da allora - viene aggiunto - nessuna traccia delle spettanze dovute, nonostante un accordo territoriale che prevede il pagamento degli stipendi il 15 di ogni mese, e per questa ragione le organzizzazioni sindacali insieme alle Rsa  hanno proclamato uno sciopero il 26 giugno scorso, preceduto dal blocco dello straordinario attivato da aprile, e hanno messo a conoscenza Poste Italiane in qualità di committente per sollecitare un intervento immediato".

"A distanza di giorni - proseguono i sindacati - manca una risposta da parte dell'azienda e nessun segnale è stato dato da Poste Italiane, committente di questo appalto e di precedenti appalti del servizio di pulimento, con vicende che hanno già in passato penalizzato duramente i dipendenti occupati attraverso una continua riduzione degli orari di lavoro conseguenti all'affidamento delle gare di appalto attraverso la logica del massimo ribasso".I

I sindacati chiedono a Poste Italiane "di assumersi le proprie responsabilità e di  intervenire immediatamente  per garantire il ripristino dei diritti più elementari delle lavoratrici e dei lavoratori, in caso tale situazione si protraesse siamo pronti a nuove azioni di sciopero con presidi e volantinaggi davanti alle sedi di Poste Italiane per sensibilizzare gli utenti e i cittadini".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade di sangue, ancora una tragedia: drammatico schianto sulla via Emilia, un morto

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Spese pazze dopo l'assalto alla sala slot: presi a Forlì dopo il colpo da 30mila euro

Torna su
ForlìToday è in caricamento