E' l'emblema del ‘made in Italy’ nel mondo: il Premio Artusi 2015 ad Alberto Alessi

Alberto Alessi ha compiuto un lavoro originale e fortemente innovativo che rappresenta una delle più belle esperienze del Made in Italy nel mondo"

Il Premio Artusi 2015 sarà assegnato ad Alberto Alessi. Emblema del ‘made in Italy’ nel mondo, Alessi è la testimonianza di come una “semplice” intuizione del design industriale ha saputo trasformarsi in rivoluzione: la funzionalità non esaurisce il legame tra persone e oggetti. In altre parole, esistono bisogni altrettanto importanti e radicati negli uomini che sono alla base del loro rapporto con le cose: poesia, emozione, comunicazione della propria identità, dei propri valori. Un po’ come l’Artusi, secondo il quale un piatto non deve essere solo “buono” ma anche “bello”.

E proprio per questo suo percorso che ha cambiato il modo di vedere e concepire gli oggetti, la città di Forlimpopoli gli assegna questo prestigioso riconoscimento consegnato a coloro che si distinguono per l’originale contributo dato alla riflessione sui rapporti fra l’uomo e il cibo. Come sottolinea la motivazione del Premio “Il Premio Artusi 2015 ad Alberto ed alla sua storia famigliare e industriale che hanno guidato il design italiano legato alla cucina. Rinnovando il lavoro artigianale e tradizionale dell'azienda, senza mai rinunciare alla propria singolarità e alla cultura del ‘cibo’, Alberto Alessi ha compiuto un lavoro originale e fortemente innovativo che rappresenta una delle più belle esperienze del Made in Italy nel mondo”.

Il nome di Alessi è stato scelto dal Comitato scientifico di Casa Artusi, e fa seguito a personaggi dello spessore di Wendell Berry (2008), Serge Latouche (2009), Don Luigi Ciotti (2010), Oscar Farinetti (2011), Andrea Segrè (2012), Mary Ann Esposito (2013), Enzo Bianchi (2014). Secondo la consuetudine delle ultime edizioni, il Premio gli sarà consegnato nel prossimo mese di settembre (sabato 26) e non in occasione della Festa Artusiana (20-28 giugno 2015) a Forlimpopoli. Nel corso della Festa Artusiana, invece, saranno consegnati i Premi Marietta ad honorem, che affiancano il Premio Artusi, assegnati a Don Pasta e al padre dei dolci “waferini” che hanno conquistato il mondo, Giulio Babbi.

Chi è Alberto Alessi - Classe 1946, figlio maggiore di Carlo, è primo della terza generazione degli Alessi dell’omonima azienda; dopo la laurea in legge all’Università Cattolica di Milano entra in azienda occupandosi della parte commerciale, dei nuovi prodotti e della comunicazione. Attualmente è Presidente di Alessi s.p.a. e responsabile per il design management, il marketing strategico e la comunicazione. La storia di Alessi in azienda inizia negli anni ’70 con una visione del design tanto semplice quanto rivoluzionaria: la funzionalità non esaurisce il legame tra persone e oggetti. Quell’humus originale cresce, si sviluppa, si confronta con personalità dello spessore di Franco Sargiani, Ettore Sottsass, Richard Sapper, Achille Castiglioni, Alessandro Mendini, Aldo Rossi, Michael Graves, Philippe Starck, e portano a trasformare l’azienda nella Fabbrica del design immaginata da Alberto.

Alberto è autore di diverse pubblicazioni, "La Cintura di Orione. Storia, tecnica e uso dei recipienti da cottura in metallo per la Grande Cucina", Longanesi, Milano, 1987, "Not in production/Next to production", Alessi, Crusinallo, 1988 e “La Fabbrica dei Sogni”, Electa, Milano, 1998. Nel 2011 per la IV edizione del Triennale Design Museum di Milano è stato curatore scientifico della mostra “Le fabbriche dei sogni. Uomini, idee, imprese e paradossi delle fabbriche del design italiano”. Tra i riconoscimenti ricevuti, è Membro dell'Academic Board dell’U.I.A.H. di Helsinki e dell'Honorary Committee del Design Museum di Londra. Senior Fellow del Royal College of Art di Londra, 1993. Laurea honoris causa della UIAH (University of Industrial Arts di Helsinki), 1993.

Honorary Professor alla Hochschule der Bildenden Künste, Saarbrucken, 1994. Doctor of Fine Arts alla Miami University di Oxford, Ohio, 1995. Design Award for Lifetime Achievement al Brooklyn Museum of Art di New York, 1998. Honorary Degree of Doctor of the University alla UCE di Birmingham, 2001. Master all’Atelier de Formation en Haute Patisserie all’Ecole Ferrandi, Parigi, 2008. Honorary Doctorate of Arts alla University of Lincoln, 2010. Collabora a riviste e pubblicazioni internazionali con scritti sul tema del design e occasionalmente è visiting professor in alcune scuole di design. All’attività di design management affianca oggi, sotto l’etichetta “La Signora Eugenia e il passero solitario”, la produzione di vini di alta qualità secondo i criteri del metodo biodinamico.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Il Pd verso le primarie: chi sono, come la pensano e che futuro vogliono i tre candidati

    • Cronaca

      Manoni cambia sede dopo quasi due secoli: "Restiamo in centro, perché siamo parte del centro"

    • Cronaca

      E' morto l'imprenditore di Ceracarta Marino Bandini, il cordoglio di Rondoni

    • Cronaca

      "Banca di Forlì" si fonde con la "BCC ravennate e imolese": nasce una nuova banca

    I più letti della settimana

    • Ridolfi, Confcommercio Cesena punta sul rilancio: "Logica bolognocentrica"

    • Da Forlì alla conquista del mercato orientale: nuovi successi per Ferretti

    • I commercialisti pubblicano il bilancio sociale: in provincia ci sono 635 iscritti

    • Una società da 5 milioni: via libera alla fusione di Federcoop, Contabilcoop e Coopservizi

    • Toccare con mano il mondo del lavoro: torna "Girls’ Day", il giorno dedicato alle ragazze

    • Alternanza scuola-lavoro: siglata la collaborazione tra Ragioneria e Confcommercio

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento