Primo novembre, i sindacati: "Astenersi dal lavoro festivo. Il Parlamento intervenga"

"Le organizzazioni sindacali - viene ricordato hanno più volte avanzato proposte di modifica alla Liberalizzazione contenuta nel decreto Salva Italia, coinvolgendo le istituzioni e promuovendo iniziative, mobilitazioni e campagne di comunicazione in occasione delle festività"

Primo novembre di festa, ma non per tutti. E così i sindacati del settore del commercio (Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil) invitano i dipendenti "ad astenersi dal lavoro festivo". "Nonostante siano trascorsi ormai 7 anni dal Decreto “Salva Italia” che eliminò ogni vincolo e regola in materia di orari commerciali, si continua a discutere della necessità di una nuova legge - commentano i sindacati -. Cgil Cisl Uil,  convocate dalla X Commissione delle Attività Produttive Commercio e Turismo, hanno chiesto un immediato intervento legislativo tenendo conto che ci sono oggi , depositate in commissione, 6 diverse proposte di legge sulla materia".

"Le organizzazioni sindacali - viene ricordato  hanno più volte avanzato proposte di modifica alla Liberalizzazione contenuta nel decreto Salva Italia, coinvolgendo le istituzioni e promuovendo iniziative, mobilitazioni e campagne di comunicazione in occasione delle festività". In particolare, viene chiesto "di porre un limite alle aperture incontrollate che in questi anni hanno stravolto il settore e la
vita delle lavoratrici e dei lavoratori delle aziende del commercio; di escludere la possibilità di aprire in occasione delle festività nazionali, restituendo a questi giorni il valore civile e religioso che è patrimonio della nostra storia e della nostra cultura; e di restituire agli Enti locali congiuntamente alle parti sociali la prerogativa di definire la regola - mentazione delle aperture territoriali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le richieste anche quella "di riconsegnare agli Enti locali anche la prerogativa di determinare quali e quanti nuovi insediamenti commerciali è possibile avviare, infatti questi anni di liberalizzazioni indiscriminate hanno inevitabilmente contribuito ad aumentare i metri quadri di area vendita generando una concorrenza selvaggia i cui costi si stanno scaricando sull’occupazione e sulle condizioni di lavoro". "Per queste ragioni, le segreterie regionali invitano i/le lavoratrici/tori ad astenersi dal lavoro per tutto il turno di lavoro della festività sopra riportata, ricordando ai lavoratori che sulla base delle norme contrattuali vigenti, e alla luce delle recenti sentenze della Cassazione potranno rifiutarsi di effettuare prestazioni lavorative in tutte le fe stività, senza incorrere in nessuna sanzione", concludono i sindacati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso arresto cardiaco spezza la vita ad un giovane di 26 anni

  • "Sarà un maxi-supermercato, secondo solo all'iper": i commercianti chiedono di bocciare il progetto

  • Meldola, si lancia nel vuoto e perde la vita: nuova tragedia al ponte dei Veneziani

  • Mentre lavora il giardino di casa la terra restituisce bombe a mano e proiettili: strada chiusa a pochi passi dal centro

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Covid-19, un'altra vittima a Forlì. Nessun contagiato nelle ultime ore e altri 9 guariti

Torna su
ForlìToday è in caricamento