Dalla Regione 43 milioni di euro per l'occupazione giovanile

Nell'ambito del Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, la Regione Emilia-Romagna dà attuazione ad un Piano straordinario per l'occupazione dei giovan

Nell'ambito del Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, la Regione Emilia-Romagna dà attuazione ad un Piano straordinario per l'occupazione dei giovani. Fino al 31 gennaio 2013, le aziende potranno presentare domanda per ricevere gli incentivi al fine di assumere giovani tra i 18 e i 34 anni. A disposizione per questa misura ci sono 20 milioni di euro. Altri 20 milioni di euro sono destinati alla stabilizzazione dei contratti, mentre 3 milioni sono destinati a sostenere la nascita e lo sviluppo di nuove imprese. Lo comunicano i consiglieri regionali PD Thomas Casadei e Tiziano Alessandrini, rispettivamente capogruppo in Commissione "Lavoro, Scuola, Turismo, Cultura" e capogruppo Commissione "Politiche economiche".

 "Le criticità e gli ostacoli che oggi i giovani incontrano nel fare il proprio ingresso in modo qualificato nel mondo del lavoro richiedono un intervento straordinario. Il sistema economico odierno - sottolineano Casadei e Alessandrini - ha un chiaro fabbisogno di tecnici qualificati a diversi livelli. La Regione ha risposto a questa domanda costruendo un sistema educativo strutturato, stabile e riconoscibile, che guarda al mercato del lavoro. Resta la necessità di costruire un ponte tra consenta in maniera tempestiva di collegare i giovani formati dal nostro sistema educativo alle imprese che vogliono investire nel futuro: proprio su questo punto interviene il Piano straordinario per l'occupazione giovanile."

 "Le nuove assunzioni a tempo indeterminato - sottolineano i consiglieri - saranno incentivate per un lavoratore uomo con 7 mila euro, per una lavoratrice con 8 mila. La trasformazione di un contratto di apprendistato in contratto a tempo indeterminato sarà incentivata con 3 mila euro per i lavoratori e 4 mila per le lavoratrici, mentre la trasformazione di altri tipi di contratto, diversi dall'apprendistato, riceveranno 6 mila euro per gli uomini e 7 mila per le donne."

 "Il contratto di lavoro dovrà essere mantenuto per almeno 3 anni, periodo in cui l'azienda non potrà ricorrere agli ammortizzatori sociali per i lavoratori assunti, pena la revoca dell'incentivo. Il monitoraggio dell'andamento delle assunzioni e del mantenimento in organico dei lavoratori assunti con l'incentivo sarà effettuato dalla Regione ogni 6 mesi attraverso il Sistema Informativo Lavoro dell'Emilia-Romagna. I finanziamenti del piano per l'occupazione giovanile - concludono Casadei e Alessandrini - si aggiungono ai 111 milioni già stanziati nel 2012 dalla Regione per il sistema formativo, per un totale di 157 milioni di euro che serviranno a promuovere uno sviluppo più equo e sostenibile e all'insegna della buona occupazione."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, sfiorato il colpaccio da oltre 67 milioni: si consola con una bella vincita

  • Elezioni regionali, l'Emilia Romagna elegge il nuovo presidente: la diretta dello spoglio, tutti i dati

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • Nel Forlivese solo Forlì e tre comuni preferiscono Bonaccini, l'entroterra è con Borgonzoni

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

Torna su
ForlìToday è in caricamento