Saldi al via, l'analisi dei commercianti dopo il primo weekend: "Un inizio discreto"

L'88% delle imprese del settore deve ai saldi estivi, una quota importante del proprio fatturato (fino al 30%), mentre un 12% realizza coi saldi estivi quote di fatturato addirittura superiori al 30%.

Il primo week-end dei saldi estivi ha fatto registrare un discreto successo delle vendite, probabilmente, però, al di sotto delle aspettative da parte delle imprese, e i comportamenti dei consumatori confermano che la crisi dei consumi non è ancora del tutto alle spalle. Sono i dati che emergono da un'indagine telefonica realizzata dalla Confesercenti Emilia Romagna su un campione regionale di imprese del commercio dei settori dell’abbigliamento e calzature.

La maggioranza degli intervistati (63%) ha dichiarato, infatti, che le vendite nella propria attività, rispetto al primo week-end di saldi dello scorso anno sono rimaste invariate (43%) oppure aumentate (20%), mentre il 37% ne ha denunciato una diminuzione. Il 69% delle imprese ha dichiarato, inoltre, che lo scontrino medio rispetto a quello dello scorso anno è rimasto invariato (60%) o aumentato di valore (9%), mentre il 31% ne ha evidenziato un calo.

image002-3-9

Il segnale che la crisi dei consumi non è ancora alle spalle e che dai saldi ci si aspetta un impulso maggiore nei prossimi giorni, emerge dal fatto che, per le imprese che dichiarano una diminuzione del valore dello scontrino medio (31%), questa diminuzione si attesta su circa un 28%.

Il valore medio dello scontrino è, comunque, stato di 95,40 euro a testa, mentre gli sconti praticati mediamente sono stati del 30%, come tradizionalmente avviene nella nostra regione che registra la crescita percentuale degli sconti solamente successivamente all’inizio del periodo dei saldi. L'88% delle imprese del settore deve ai saldi estivi, una quota importante del proprio fatturato (fino al 30%), mentre un 12% realizza coi saldi estivi quote di fatturato addirittura superiori al 30%. Nel complesso oltre il 44% degli intervistati si dichiara soddisfatto dell’andamento delle vendite registrate nel primo week-end e un 56% manifesta una certa delusione che spera sia contrastata dalle vendite nei prossimi giorni.

“I saldi si confermano ancora una volta un formidabile momento di promozione commerciale – afferma Fabio Lucchi di FISMO Confesercenti forlivese – in grado di aiutare le imprese del commercio della nostra regione a sostenere i propri fatturati anche in una situazione di crisi come quella che abbiamo attraversato e che speriamo finisca al più presto. L'andamento delle vendite del primo week-end, permette, inoltre, ai consumatori di realizzare affari veri, acquistando prodotti di valore a prezzi decisamente interessanti e con un'ampia scelta ancora a disposizione”.  

image004-7

Potrebbe interessarti

  • Top Hairstylist in città: scopri a chi affidare il tuo prossimo cambio di stile

  • Cattivi odori addio: ecco come pulire i bidoni della spazzatura

  • Nausea e cerchi alla testa? 5 rimedi per far passare prima la sbornia

I più letti della settimana

  • Giovane harleysta morto sulla Cervese, la fidanzata in prognosi riservata. C'è un testimone della sciagura

  • Va alla scoperta delle bellezze rurali, un infarto lo uccide: la vittima è un volto noto di Forlì

  • Tragico incidente all'alba: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Tragedia nella notte: si schianta contro un albero, muore una 26enne

  • Ancora sangue sulle strade: sciagura in serata, muore un 28enne forlivese

  • Dramma sulla Cervese, incredulità e dolore: gli amici ricordano il "gigante buono"

Torna su
ForlìToday è in caricamento