"Segreteria Dottori.it": innovativa start-up della coop Asso, che inserisce i disabili

Una Start Up 'Segreteria Dottori.it' creata dalla Cooperativa Sociale “Asso” di Cesena, che già gestisce oltre tre milioni di telefonate

Una Start Up 'Segreteria Dottori.it' creata dalla Cooperativa Sociale “Asso” di Cesena, che già gestisce oltre tre milioni di telefonate che sono all'incirca il dieci per cento di tutte le comunicazioni sanitarie in Italia, permetterà ai medici e a tutti coloro che operano nel proprio ambulatorio anche veterinario di dedicarsi totalmente al proprio paziente senza essere distratti da altre necessarie incombenze.

Un'apposita segreteria telefonica / informatica libererà i sanitari dal rispondere al telefono alle richieste, prenotazioni o altr, dei propri utenti senza quindi distrarli dall'impegno e risparmiando sui costi di eventuali assistenti. Questo servizio paragonabile ad un call center personalizzato è attivo 24 ore su 24,  tutti i giorni dell'anno e,in orario di ambulatorio dalle 8 alle 19, a voce, avrà un canone mensile modulabile da 54 euro in su e potrà essere attivato da qualunque parte d'Italia.

“Tutto questo nasce – dice Cristina Gallinucci presidente del sodalizio – dalla grande esperienza in call center sanitari maturata in venti anni di esistenza di questa cooperativa. Come momento sociale noi ci occupiamo dell'inserimento dei disabili perseguendo come onlus la filosofia non dell'assistenza pura e semplice ma dell'autonomia anche economica di questi. In questo modo crediamo di assolvere all'aspetto principale del nostro compito”.

“Il progetto 'Segreteria Dottori .it' – continua la presidente - è il primo servizio di segreteria in Italia dedicato ai medici e a tutti i professionisti della sanità. Sfruttiamo a riguardo la grande esperienza maturata nel gestire via telefono e internet la Asl di Rimini, Forlì, Cesena, l'Azienda Ospedaliera di Salerno, Caserta, l'Istituto Romagnolo per la cura dei Tumori, il Gvm, e tanti altri soggetti sanitari”. “Quello che ci prefiggiamo – sostiene Andrea Baldazzi coordinatore del progetto – è di sollevare i medici dalle incombenze secondarie per dedicarsi totalmente alla cura del paziente. I nostri operatori sono a conoscenza del linguaggio medico e, seppure non certo sostituendosi al titolare, sono in grado di dialogare e di far proprie le necessità del paziente. Il giovamento grande del medico o del professionista sarà quello di avere una segreteria virtuale in grado di assolvere tutte le incombenze di prenotazione ed altro che appesantirebbero ancora di più l'impegno di ambulatorio”.

“Il servizio è attivo tutti i giorni dell'anno per ventiquattro ore – continua Giorgia Cecchini dello staff  – e negli orari di ambulatorio siamo in grado di dialogare con un linguaggio medico  con chi è dall'altra parete del filo, ma non finisce qui perchè nelle ore notturne si potranno registrare le comunicazioni e sarà nostra cura contattare al mattino l'interlocutore. Inoltre ci sarà una pagina internet personalizzabile da parte del medico dove ci si potrà anche prenotare direttamente”.

L'iniziativa di Asso e le altre sue attività della cooperativa godono dell'appoggio di 'Romagna Sociale' che ha contribuito anche finanziariamente a questo progetto. “Come Romagna Sociale – dice Antonella Scandroglio membro del sodalizio – sostenere i disabili non significa dare loro un sussidio, bensì come in questo caso offrire occasioni di lavoro in modo che questo diventi un'opportunità di vita”. La Cooperativa Cesenate  sociale 'Asso' al momento conta duecentocinquanta soci lavoratori di cui l'ottanta per cento con disabilità e fra loro  l'ottantacinque per cento è donna. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I suoi nudi artistici fanno il giro del mondo, ma lei ha scelto Forlì: "La Romagna mi ha adottata"

  • Sciagura sui binari, morto un giovane travolto da un treno: traffico paralizzato per ore

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Le rubano una bici elettrica, coppia finisce nel mirino della Polizia

  • Pizza napoletana per la ricerca contro il Coronavirus: "Divieto ai cinesi? Chiedo scusa"

  • Forlimpopoli, brucia il tetto di un'abitazione: vigile del fuoco resta ferito in una caduta

Torna su
ForlìToday è in caricamento