Si avvicina la prima campanella, il termometro delle cartolerie: cresce la vendita dei libri usati

La cartoleria per la scuola e i prodotti informatici hanno fatto registrare un andamento positivo. Stabili invece le vendite di zaini.

Vendite stabili per le cartolibrerie tradizionali a Forlì nell’approssimarsi di questo avvio di anno scolastico. Questo in sintesi il risultato dell’indagine di Confcommercio Forlì in collaborazione con Federcartolai e il Centro studi Iscom Forlì su un panel di imprese associate, e che ha interessato in maniera particolare i negozi di cartolibreria/giocattoli del comprensorio forlivese. La cartoleria per la scuola e i prodotti informatici hanno fatto registrare un andamento positivo. Stabili invece le vendite di zaini. Il settore libri scolastici nuovi è stabile, in crescita invece l’usato. "Si conferma la tendenza emersa già nel 2018 per cui è tornata ad aumentare la quota dei prodotti di cartoleria di fascia intermedia, di qualità ma non necessariamente di marca", viene spiegato.

 I cali di vendite, laddove evidenziati, sono attribuiti non più soltanto alla crisi economica, ma alla concorrenza della grande distribuzione e delle vendite online: per i prodotti di cartoleria e per zaini e astucci il principale concorrente è la grande distribuzione (indicata da più del 67% degli operatori) mentre per i libri scolastici ha un impatto significativo anche la concorrenza dell’online (43%). “I dati dell’indagine confermano che i negozi di vicinato di settore sono ancora un punto di riferimento – dichiara Alberto Zattini direttore di Federcatolai\Confcommercio Forlì – e dimostrano che la strada per far fronte alla concorrenza della grande distribuzione e alla concorrenza invasiva delle vendite online nel nostro settore sono la professionalità e la personalizzazione del servizio, per una clientela che oggi non è più solo attenta al prezzo, ma che considera la qualità e la durevolezza del bene acquistato. Oggi sempre più è necessario vendere non solo un prodotto, ma un autentico servizio calandolo sui bisogni delle famiglie. Dal nostro punto di vista poi è sempre più importante concentrarci sulla formazione continua dei nostri associati per sapersi muovere in questa direzione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo scontrino medio per zaini e/o astucci è sui 50 euro, per il corredo scolastico è un po’ più basso e si attesta sui 35 euro. La spesa per libri nuovi è sui 150 euro di media, e dipende dal ciclo scolastico a cui si riferisce (più basso per le medie più alto per le superiori). Lo scontrino medio per i libri usati si attesta sui 45 euro. Quaderni, quadernoni e materiali di cancelleria in genere (penne, accessori per il disegno, ecc.) gli articoli più venduti. Si spende un po’ di più per zaini, astucci e diari, dove emergono preferenze specifiche per alcuni marchi di moda. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento